Home > Forum > forum lacassa.net

Inserite qui le discussioni e proposte: ogni inseriemento potrà essere commentato.
 Biblioteca: che si f [...]Laura LaLunga 13 giugno 2016, 15:49

 

+segretifabri 27 ottobre 2015, 14:38

 

 70 anni orsonobiagio 16 settembre 2015, 20:49

 

 mercatino del riusobiagio 27 giugno 2015, 09:55

 

+errore mortaleitalo 28 aprile 2015, 23:28

 

 La spiritualità del [...]biagio 5 aprile 2015, 20:04

 

 un pensiero positivo [...]biagio 22 marzo 2015, 18:44

 

 salutiamo con gioia [...]biagio 19 febbraio 2015, 14:56

 

+cosa serve pagare un [...]biagio 13 febbraio 2015, 14:02

 

 la mancanza di socco [...]biagio 6 febbraio 2015, 09:20

 

 Riporto la dicitura [...]biagio 4 febbraio 2015, 14:34

 

 Caro Marco c'è vera [...]biagio 2 febbraio 2015, 18:29

 

 la mia generazione h [...]biagio 28 gennaio 2015, 20:54

 

+e se chiude anche l' [...]biagio 26 gennaio 2015, 13:57

 

 chi scrive, nel peri [...]biagio 25 gennaio 2015, 16:54

 

 niente accade a casobiagio 25 gennaio 2015, 16:46

 

+chi si ricorda dei p [...]biagio 12 novembre 2014, 20:15

 

 inserire foto nel fo [...]italo 25 ottobre 2014, 18:52

 

 Bello, bello puliamo [...]biagio 21 ottobre 2014, 10:33

 

 Lunedi sera 14 ottob [...]biagio 15 ottobre 2014, 22:11

 

Più vecchi >>

Caro Marco c'è veramente di che essere preoccupati 2 febbraio 2015, 18:29

biagio

avatar

iscritto: 07/09

messaggi: 454

Si c'è da essere preoccupati , ma poi usare l'ottimismo della volontà.
-Prima considerazione:i tre Comuni "fratelli" San Gillio, Givoletto, La Cassa  già uniti in un unico comune, devono  ricominciare ad agiere insieme.
Il campanilismo, lo zappare ciascuno il proprio "orticello" ,inevitabilmente porterà a perdere servizi.
Che senso ha che La Cassa abbia una postazione di CROCE ROSSA, San Gillio di CROCE VERDE, Givoletto un'altra croce.
La necessità di collaborare non l'ho scoperta ora.
Nel periodo in cui ero sindaco si era ottenuto un contributo per l'intera spesa per redarre un Piano Regolatore Intercomunale tra La Cassa, Givoletto, Valdellatorre, i tre comuni dell'allora Comunità Montana  CHE GRAVAVANO UNIFORMEMENTE VERSO LA CITTA'.
SIGNIFICAVA OTTIMIZZARE I SERVIZI QUALI SCUOLE MEDIE, SERVIZI SANITARI ED ASSISTENZIALI, SERIZI SPORTIVI, ECC...ECC...
Non se ne fece nulla perchè vi erano troppi interessi , anche conflitti di interessi degli stessi amministratori comunali, a "manovrare liberamente sull'edificabilità dei suoli ."
Per ritornare all'ambulatorio medico di La Cassa, l'immobile è di proprietà della Società di Mutuo Soccorso La Familiare.
Società costruita in gran parte con lavoro volontario da quella splendida generazione uscita dalla seconda guerra mondiale.
Operai che andavano a lavorare in fabbrica a Torino, in bicicletta.
Poi , il primo pensiero, nel tempo libero, era per la Società.
Una generazione che viveva la vita con ONESTA', RETTITUDINE , CONDIVISIONE  e soprattutto apertura verso gli altri.
Lavoratori in fabbrica e maestri nella vita, anche solo con la quinta elementare, quando non la terza
Oggi che l'istruzione è migliorata ,è sbocciato un individualismo pauroso.
Per dire le cose come stanno anche nella Società l'impegno fattivo, concreto, scarseggia.
Facendo l'ipotesi peggiore, se qualcuno butta la spugna la Società chiude.
Ciò significa che tutto il patrimonio và o allo Stato o ad un'altra Società che se utilizza i soldi per ampliare la propria struttura, potrebbe vendere, a prezzi di mercato , a La Cassa.
Non credo che il nostro Comune avrebbe la disponibilità finanziaria per acquistare  l'ambulatorio.
Teniamo presente che il nostro Comune ha già difficoltà a ristrutturare l'immobile di via Fila e l'immobile di piazza Galetto.
Se non si ristruttura quest'ultimo, rischia anche la presenza della Farmacia  o armadio farmaceutico ...
Questa è la situazione !
Rispondi
includi tutte le risposte

mappa | versione per la stampa | versione ad alta accessibilità | photo gallery | dove siamo | RSS
Valid XHTML 1.0! Valid CSS! RSS Linkomm - SEO Web Agency Torino Customizer