uso del sito:considerazioni ottobre 2011


Considerando l'ultimo semestre, cioè 21 maggio / 21 ottobre, ecco qualche dato statistico:
- sono state viste 33970 pagine in 10883 visite da parte di 5940 visitatori; ognuno ha mediamente passato 4 minuti e mezzo sul sito. La metà di questo visitatori sono nuovi, cioè persone che non avevano mai visto prima lacassa.net.
- vi chiedo qualche secondo di attenzione per questo (non facile) report:




Qui vedete le sezioni più frequentate del sito: al n.1 la home page e poi via via le sezioni più visitate (/null è dato da link da facebook).
Come vedete gli eventi di 'succede a la cassa' sono i più gettonati, seguiti dalle sezioni 'ambiente' e 'cultura'. La colonna successiva riguarda la 'frequenza di rimbalzo', ovvero un'analisi statistica sulla persistenza delle persone nella sezione; un indice positivo, rosso, indica che lì la gente c'è stata poco, mentre uno negativo, verde, indica che la sezione è stata approfonditamente visitata. I valori, rosso e verde, sono distribuiti rispetto alla media e dànno un'idea dell'uso del sito da parte dei suoi utenti.
Ne deduciamo che visita accuratamente il sito:
- chi arriva da segnalazioni su facebook (fatene tante!) che riportano a lacassa.net
- chi entra nella home page: sono gli utenti più 'affezionati' che hanno lacassa.net nei bookmark o segnalibri
- chi frequenta il forum! Ogni cosa che scrivete porta i lettori ad approfondire
- chi guarda il piano regolatore; è un bel risultato vedere che lo sforzo per pubblicarlo è seguito dall'effettivo utilizzo.

Lo stesso report, questa volta relativo alle singole pagine più viste, e non alle sezioni, è il seguente:



Su questo report non mi dilungo perchè avete imparato a leggerlo; è chiara l'importanza che può avere ciò che viene scritto sul sito.
Per chiunque voglia avere maggiori informazioni posso fornire dettagli di ogni parte del sito.

Tutta questa frequentazione fa sì che spesso chi vuole raccogliere informazioni su La Cassa lo faccia accedendo a questo sito; spesso non in maniera del tutto legittima.
Nonostante la chiara avvertenza in ogni pagina che tutti i contenuti SONO PROTETTI da alcuni diritti (attribuzione all'autore, divieto di modifica e opere derivate, divieto di utilizzo commerciale) il settimanale 'Il Risveglio' ha utilizzato il copia-incolla (due casi ad esempio: quello dell'area umida e un intervento riportato in consiglio comunale, ma ce ne sono altri) senza citare l'autore dello scritto (nè la fonte da cui è stato prelevato), che viene sempre riportato, infrangendo tutti e tre i diritti riportati.
Da un certo punto di vista fa piacere, essendo diventato il sito un punto di riferimento stabile per la realtà territoriale; dall'altra fa arrabbiare, perchè non sarebbe costato nulla citare la fonte o, addirittura, notificarne la pubblicazione.
Per quanto mi riguarda personalmente, cioè per i miei scritti, non ne faccio un punto di doglianza; vorrei però avvisare gli iscritti che potrebbero trovare pubblicate su organi di stampa propri interventi su lacassa.net senza averne preventivamente avuto notizia.






Altra notizia sulla vita del sito: due associazioni hanno deciso di recedere dalla possibilità di pubblicare contenuti su questo sito; si tratta dell'associazione 'La Cassa un paese per tutti', che era stata invitata ad inserire contenuti aggiornati, e della associazione 'ANPI', sezione di La Cassa.
Non entro naturalmente in merito alle strategie di comunicazione che hanno dettato questa decisione; probabilmente la loro presenza su questo sito è stata giudicata in qualche modo negativa. Chino il capo di fronte a questa decisione che mi addolora e della quale non capisco la ratio, che sarebbe comunque avversata da qualsiasi neofita della comunicazione via web; essere presenti in due siti dà maggiore visibilità, rimuovere contenuti da un sito comporta un ranking negativo dei motori di ricerca che penalizza tutti i contenuti simili.
Altrettanto incomprensibile mi è la lamentela, da parte della prima di queste associazioni, di non aver voluto pubblicare i contenuti da essa sollecitati, peraltro non inviati alla redazione; anzi l'accusa di deliberato sabotaggio. Questi contenuti riguardano il volantino di presentazione della serata di presentazione di 'Libera' di ottobre.
Porto avanti questo sito come volontario, a mie spese, offro a tutti la possibilità di scrivere, a LCUPPT in primis, essendo l'associazione che ho collaborato a far nascere; che mi si accusi di sabotaggio per mancata pubblicazione da chi rifiuta scentemente il diritto di farlo mi amareggia, mi sembra ridicolo e triste.
Di fronte a questo non posso far altro che ripetere: il sito è libero, chiunque voglia pubblicare qualcosa che riguarda il territorio lo può fare, la porta è sempre aperta, anche a chi se ne è uscito sbattendola.
Anche a chi si è adoperato perchè il sito ricevesse una diffida: le nebbie si diradano, è sempre più chiaro come, e da chi, la vicenda sia nata.

Ancora una nota sull'utilizzo del sito: il sistema di visualizzazione degli articoli più visti nell'ultimo /mese / settimana / giorno sta funzionando molto bene; aiuta la navigazione nel sito e viene spesso utilizzato.
Con il nuovo anno (in particolare: con le vacanze di Natale) potrebbe esserci spazio per una ridefinizione grafico/strutturale del sito. Se qualcuno ha delle idee si faccia sentire.

Un ultimo accenno alla prima 'serata solona': mi sembra un'iniziativa veramente bella, il 'mettere in circolo' le conoscenze sul territorio appare come una vera opportunità di accrescere il benessere sociale, in quella direzione di 'mutuo soccorso' che Biagio (molto) spesso e meritoriamente ci ricorda.

A presto!


Italo Losero
redazione@lacassa.net






Scarica l'articolo in PDF
Giorgio Gino28 ottobre 2011, 13:02
avatar
La decisione di rinunciare alla pubblicazione sul tuo sito, come già spiegato in altre occasioni, è stata motivata dalla difficoltà, per mancanza di tempo, di alimentare ed aggiornare con i contenuti originati dall'Associazione quattro siti contemporaneamente.  Che tu ci creda o no, non riusciamo neanche a tenere aggiornati i nostri tre punti di presenza nella Rete… La libertà del tuo sito non è stata mai messa in dubbio ma libertà non è sinonimo di obbligo e non mi risulta che qualcuno dei nostri Soci che a suo tempo si erano registrati, oggi non lo siano più e se ne siano andati sbattendo la porta, a differenza di qualcun altro che se ne è uscito da PartecipAzione. Trovo invece estremamente scorretto da parte tua aver reso pubblici i contenuti, ancorché riguardanti il sito, di una corrispondenza privata tra Laura e me, smentendo così  nei fatti  la netta separazione che rivendichi tra il sito, Laura con sua Minoranza e te.
italo28 ottobre 2011, 18:20
avatar
Per chiarezza dei lettori: ciò a cui si riferisce Giorgio Gino come comportamento 'estremamente scorretto' da parte mia riguarda la frase dell'articolo "Altrettanto incomprensibile mi è la lamentela [...] di non aver voluto pubblicare i contenuti da essa sollecitati".
Riguarda la richiesta di pubblicazione di un volantino  espressa via email a mia moglie Laura (e per conoscenza ad altri redattori) , redattrice di una sezione di questo sito.

Se questo ha offeso la sensibilità di qualcuno, e se può servire a qualcosa, mi scuso per aver condiviso con i lettori un pensiero che poteva anche rimanere privato. A mia parziale scusante potete capire che l'aver accusato questo sito di sabotare deliberatamente una serata di 'Libera' potrebbe far imbufalire chiunque.

Resta la tristezza di cui sopra; mitigata dalla volontà di superare questi piccoli screzi per fare insieme qualcosa per questa nostra comunità.


Laura LaLunga28 ottobre 2011, 18:59
avatar
Errore mio non aver inoltrato il volantino a Italo. Decisamente fuori luogo aver pensato che questa dimenticanza, in un momento molto incasinato e con poco tempo della mia vita, sia presa come una "sabotaggio". Io non sono la redattrice del sito, sono la redattrice della sezione riguardante il Gas e la mia Minoranza Consiliare (Laura Martinotti - cosigliera di minoranza indipendente). Stop.
Accusa che, per chi ha sempre cercato di fare comunità e per chi ha sempre lavorato per unire e non per dividere, fa non solo incazzare ma soprattutto amareggia.
Siamo ancora qui? Non siamo andati oltre? Si pensa ancora che ci sia qualcuno che rema contro? La solita mina vagante?
 
Quando si inizierà a pensare di proporre cose concrete a beneficio di tutta la comunità e lasciare in un cassetto le solite beghe e le solite polemiche? Quando si inizierà a pensare a programmi politici concreti?

Andiamo avanti, qualsiasi cosa sia successa, andiamo avanti.

pace
Laura

mappa | versione per la stampa | versione ad alta accessibilità | photo gallery | dove siamo | RSS
Valid XHTML 1.0! Valid CSS! RSS Linkomm - SEO Web Agency Torino Customizer