Zona Disco!

italo losero

Google+ Italo Losero

S'era pensato di festeggiare la zona disco:  e già fantasticavo sul figurone che avrei fatto con le zeppe, la tutina aderente, pantaloni a zampa d'elefante, occhiali e parrucconi, mentre si scatenavano 90 minuti di 'disco' vera; 'disco inferno' dei Trammps già risuonava nell'aria.
Passata tra una patatina e le bollicine d'un aperitivo l'idea goliardica, mi son chiesto il perchè fosse stata istituita questa zona disco; immagino di non essere il solo.
Il sito del comune rimanda (sic) ad un documento word, aperto il quale l'unico approfondimento reca ben poco allegramente che 'LA VIOLAZIONE SARA' SANZIONATA AI SENSI DEL DLG 285/92' (Con tutto il rispetto per il DLG ed i suoi colleghi, mi sembra una inopportuna derubricazione degli alternativi generi musicali -  e poi, come farà la banda musicale a suonare in una zona disco? Verrà sanzionata ai sensi...).


Non abito in piazza Galetto, non ne sono direttamente interessato; ma tutti noi lacassesi in qualche modo utilizziamo la piazza; non giudico negativamente la decisione ma penso che la domanda di spiegazione aleggi ovunque e che a questa domanda esista una risposta.
Esisteranno motivazioni serie per le quali è stato preso il provvedimento; nell'attuale mondo interconnesso immagino che  il dibattito corra in rete, invece vedo un solo scarno intervento sul gruppo di lacassa su facebook.
Ciò mi porta a pensare quanto langue il dibattito online a La Cassa; m'ero riproposto di non scriverne più, ma m'esercito spesso nel trasgredire i miei propositi, e i suggerimenti in questa direzione non possono rimanere inevasi.


        


Sul gruppo su facebook non si vedono (quasi mai) interventi importanti per il paese.
  Il sito del comune è stato rifatto ma il dialogo con i cittadini è assente.
  Il sito dell'opposizione è fermo al solstizio d'estate, ed oggi abbiamo passato l'equinozio d'autunno.
  Il sito del comitato genitori tace dalle idi di maggio.
  Il periodico di informazione a stampa è quantomeno stringato (registro un parziale incontro delle posizioni di questo sito sull'ambiente con quelle del sindaco, che sull'urbanizzazione premette che "costruire opere pubbliche ed edifici residenziali è sempre un 'attacco' all'ambiente" difendendone in seguito l'uso corretto e sostenibile)



Così come sono stati paradigmatici i primi due anni di evoluzione di lacassa.net che l'hanno proposto come caso-studio di cittadini che collaborano telematicamente, altrettanto il silenzio nella discussione online fotografa una situazione che non è solo lacassese, ma nazionale; mentre in tutta europa cresce l'utilizzo di internet da parte dei cittadini l'Italia è l'unico paese che mostra una decrescita, tendenza che nessun paese europeo ha evidenziato negli ultimi dieci anni (vedi l'articolo del sempre ottimo Mantellini).

Siamo stati virtuosi, ora sembra che la tendenza si inverta; ho chiesto spiegazioni e suggerimenti a più persone sul caso lacassese e le risposte sono state le più disparate; alcune sono raccolte in un precedente articolo, almeno per quanto riguarda questo sito.

Non è mai un buon segno la mancanza di discussione; di fronte alla richiesta di migliori e più assidue frequentazioni telematiche su argomenti comuni  qualche tempo fa venivo criticato perchè mi si diceva che la discussione si deve fare vis-a-vis e non telematicamente; non nego l'importanza della discussione in presenza, ma ciò non leva nulla a quella della discussione comune online, che tutti possono coltivare al di là dei vincoli di tempo e di luogo.

Non è per me importante che abbia ragione una parte  o l'altra; il solo fatto che se ne parli in modo comune è già importante, è noce di democrazia.
Oggi parlare in modo comune vuol dire parlarne online, qui o altrove.
 Per rintracciare dove si parli del nostro paese non conosco altre fonti oltre quelle citate.

Se qualcuno sa dove trovare argomenti di dibattito pubblico sul perchè alcuni studenti vengano trasportati per giri interminabili sullo scuolabus, me lo faccia sapere.
Se reperite qualche informazione dettagliata sul fatto che lo sportin abbia cambiato velocemente gestore dopo la marea di chiacchiere sui gestori degli ultimi anni, informatemi; capiremo perchè se n'è parlato tanto inutilmente e la situazione sia cambiata velocemente dribblando la discussione.
Se conoscete piani dettagliati sulla modalità con cui verrà spostata la biblioteca, illuminatemi; da cittadino vorrei conoscere il progetto, i metodi, i tempi.

Informatemi, questa è una pubblica richiesta d'aiuto, perchè magari mi piacerebbe tanto agire come diceva Gaber: partecipare.

E se qualcuno ha zeppe e pantaloni a zampa d'elefante mettiamoci in contatto: 'A DECORRERE DAL  26 SETTEMBRE' parte la zona disco!

Scarica l'articolo in PDF

mappa | versione per la stampa | versione ad alta accessibilità | photo gallery | dove siamo | RSS
Valid XHTML 1.0! Valid CSS! RSS Linkomm - SEO Web Agency Torino Customizer

Google+ Italo Losero