interventi sul forum di Fabio Lamon

2010-12-22 18:59:55Ridiamoci su...in risposta a questo messaggio
Bla Bla Bla

bellissima la voce "applicazioni pratiche" (qui c'è meno da ridere, ma più da pensarci, tutti, nessuno escluso)


Buon Natale Marco

P.S. tra le voci correlate c'è Politica
2010-12-21 13:47:25Belle parole...in risposta a questo messaggio
Uno dei principi del decalogo del buon balilla (o del buon fascista), vero?

Belle parole Signor Ballauri, peccato che la conquista coloniale fatta a colpi di gas, le leggi razziali, la soppressione dell'opposizione, un conflitto mondiale dalla parte del forte (Germania) contro i più deboli (vedi Jugoslavia, vedi Francia, vedi Grecia e le forze alleate che fino al '41 furono in netto svantaggio) dimostrino come queste belle parole non furono mai messe in pratica, anzi, furono mistrattate per anni e anni.

Sarebbe stato il vero "grande uomo" se si fosse continuato con le grandi bonifiche, la politica di industrializzazione e di sviluppo delle campagne, il risveglio patriottico (nel senso positivo), la riscoperta della storia romana (e non la mitizzazione di singole parti, rendendole irriconoscibili) e della sua cultura; insomma, avrei preferito il "grande uomo" con il lato socialista (così come era prima del suo errore fatale) che con il lato fascista.

Buon Natale ancora Signor Ballauri e ancora grazie!
2010-12-21 02:05:18Buon Natale Signor Ballauriin risposta a questo messaggio
Troppi complimenti Signor Ballauri: pensi, mi ha fatto più complimenti lei in un solo post sul forum che quasi tutti gli altri utenti messi assieme in tutti gli interventi fatti dalla nascita di questo sito!

Le offrirò una birra alla prima occasione, sempre che lei accetti una birra da un comunista paladino della giustizia e difensore di non-studenti-delinquenti

In effetti i rapporti con gli altri utenti di questo sito sono difficoltosi: troppe visioni differenti del nostro piccolo paese e anche del grande mondo; ma sa, non ho mai avuto la presunzione di stare simpatico a tutti e neppure il desiderio che tutti approvassero le mie idee, anche perchè sinceramente se tutti me la dessero vinta mi sentirei un bambino di 5 anni alle prese con dei genitori passivi; quindi ringrazio anche gli altri utenti per le (quasi continue e farcite con simpatici epiteti e ironie) critiche ad ogni mio post.

Mi fa piacere leggere i suoi post: il tentativo perenne di denigrare il PD con dei luoghi comuni che sono oramai consunti a forza di utilizzarli mi fa sempre più pensare di essere dalla parte "giusta", ossia la parte che se critica lo fa con dati alla mano e utilizzando parole sue.

Anche la mia autostima la ringrazia Signor Ballauri!

Buon Natale, e faccia attenzione a quel vecchio comunista vestito di rosso e bianco che cala di solito dal camino, potrebbe per sbaglio abbracciarlo perchè ricoperto di nera fuliggine!


P.S. ne approfitto per fare gli auguri di Buon Natale e Felice Anno Nuovo a tutti gli utenti del sito, sperando che il prossimo anno porti un confronto più proficuo di un arroccamento sulle proprie posizioni e uno scambio di cannonate!
2010-12-17 17:03:46Grazie!in risposta a questo messaggio
Signor Ballauri,

lei accusa senza provare ciò che afferma e risponde alle domande con altre domande, ma la ringrazio lo stesso, lo sa perchè?

Perchè nonostante le aspre e dure discussioni (per usare un'eufemismo, purtroppo) dei giorni scorsi e nonostante che in molti argomenti la si pensi in maniera molto differente (in alcuni casi si è agli antipodi), quando lei interviene io, Italo, Marco, Manuel e molti altri ci troviamo tutti concordi nel condannare o nel criticare ciò che lei dice, e questo mi rincuora, perchè vuol dire che in certi casi, quando sono in gioco certi ideali democratici e fondanti della nostra Repubblica, si mettono da parte anche gli astii o le differenze personali e si agisce tutti insieme.

La ringrazio per questo, signor Ballauri, la prego anzi di intervenire più spesso!
2010-12-17 14:34:50La coerenza...in risposta a questo messaggio
Mio caro Ballauri!

Non penso sia più necessario darle risposte alle sue domande: ha già ricevuto una risposta completa e chiara da Igor.
Il resto sono illazioni e supposizioni fini a se stesse: attenderei di avere fatti, documenti, prove argomentali a sostegno delle sue dichiarazioni, li può fornire?

Ma c'è un particolare che mi ha colpito, signor Ballauri: è stato schedato perchè cantava l'Inno di Mameli mentre Bossi raccoglieva l'acqua del Po?
Ma non è con la Lega Nord che voi di La Destra governate in Piemonte, in altre Regioni e a livello Nazionale?
Voi che siete patriottici e nazionalisti andate a braccetto con dei secessionisti che urlano Roma Ladrona (ma poi "ce magnano" alla grande a Roma) e denunciano chi, mentre ci sono le loro manifestazioni, appende il tricolore fuori dalla finestra?

Dov'è che non ho capito la vostra strategia?
2010-12-14 01:58:26Graziein risposta a questo messaggio
Grazie Igor per le tue parole, i miei genitori mi hanno sempre parlato bene di te e non sbagliavano di un millimetro.
Spero un giorno o l'altro di arrivare a scrivere un post così pacato, riflessivo e costruttivo come il tuo.

Terrò in grande conto le tue parole.

Grazie
2010-12-13 17:57:08Due pesi e due misurein risposta a questo messaggio
Niente toni sopra le righe: la mia è una semplice constatazione sull'uso di due pesi e due misure in base a chi si ha davanti.

Si risponde a domande dirette criticando gli altri (anche aspramente e contando sulla disinformazione, altro paradosso) o con glissantissimi "anche no" e si pretende allo stesso tempo di ricevere risposte alle proprie provocazioni e critiche (caratterizzate, come una persona che reputo saggia ha sottolineato, dall'assenza di una "alternativa concreta") con pacatezza.

C'è qualcosa che non torna a mio parere.

Ma lascio ai lettori del sito il giudizio finale, perchè si, giudicheranno proprio in base a ciò che avete fatto e farete.

2010-12-13 17:24:45Non a caso ho detto che il mio consiglio era superfluo... :-)in risposta a questo messaggio
Ti consiglio inoltre di fare un giro alla Cooperativa, una salutare passeggiata nel Basso di La Cassa e anche, perchè no, un giro il lunedì sera alle 21 circa (tranne questa settimana che sarà di martedì!) in Via IV Novembre int. 28, dove potrai trovare altri tipi alquanto discutibili che stanno tenendo una delle loro riunioni!

Occhio con il cannocchiale, in questo "strano" paese non si sa mai cosa puoi vedere attraverso le lenti :-)

2010-12-13 15:38:22Spegnere il PC e uscire di casa?in risposta a questo messaggio
Nessun problema Marco.

Vedi, purtroppo oltre ad avere 25 anni ho anche un "bel" carattere, e ti assicuro che chi mi conosce sa che sono anche parecchio migliorato (si, rabbrividisci pure a pensare com'ero prima!).
Purtroppo quando vedo atteggiamenti strafottenti e soprattutto quel disprezzo malcelato dietro l'ironia mi saltano tutti i freni e parto in quarta.
Un giorno o l'altro saprò ignorare certi atteggiamenti, così chi li porterà avanti rimarrà a bocca asciutta.

Certe informazioni, come l'età, non possono passare attraverso un forum di internet, una piazza virtuale dove non ci si può guardare in faccia mentre si parla: quanti meno equivoci e quanti appigli in meno per i sentenziatori ci sarebbero se ci si potesse guardare in faccia... ah già, ma si può: basta spegnere il PC e uscire di casa!
Per questo ti invito anche io (per quanto valga il mio invito) alla serata sul Piano Regolatore, dove potrai vedere in faccia i tuoi interlocutori, e capire anche come valutare le loro parole dal loro tono di voce, dai loro gesti e dalle loro espressioni.

Non solo Marco, a proposito di informazioni che invece sono presenti anche su questo sito ti porto l'esempio dell'ultima Assemblea dell'ANPI di La Cassa, dove il gestore di questo sito e sua moglie hanno affermato di "non conoscere la composizione del coordinamento locale dell'ANPI", quando da MESI (almeno da Maggio se non prima) è presente questa pagina in questo sito: un atteggiamento che mi ha parecchio stupito da chi, ad esempio, in quattro e quattr'otto è capace di tirar fuori definizioni da wikipedia e sentenziare sulla stupidità e sull'OT delle affermazioni degli altri.

Ma sto di nuovo lasciando troppo campo libero al mio caratteraccio, quindi ti ripeto che non c'è nessun problema: niente imbarazzo e niente maggiore tolleranza, solo il consiglio di non basarti solo su un sito internet (a mio parere per di più di parte) per farti un'idea di cosa accade a La Cassa (ma immagino che questo mio consiglio sia superfluo [detto senza ironia])

Parola di Troll [detto con autoironia]
2010-12-11 21:41:12La lezione del giornoin risposta a questo messaggio
"Fabio, il tuo problema è che abbocchi ad ogni loro provocazione! Ma ognuno ha il suo carattere, e tu hai 25 anni e devi crescere"

Non so chi me l'abbia detto al telefono, ma è un Amico (con la A maiuscola) molto saggio

"Fabio, meglio un troll come te che persone con l'io ipertrofico"


Non so chi me l'abbia scritto via mail, ma è una Donna (con la D maiuscola) che sa il fatto suo.

"La pianti di perdere tempo? Li fai andare per la loro strada tanto è inutile? Pensa a studiare!"

Non so chi me l'abbia detto, ma sicuramente è un Papà (con la P maiuscola) che dovrei ascoltare molto di più!

"Fabio, continua a portare avanti le tue idee, mica puoi piacere a tutti!"

Non so chi me l'abbia detto, ma è sicuramente un'altra Donna (con la D maiuscola) che ha ben chiara la realtà.

"Fabio Lamon ha cambiato la foto del suo profilo [foto di Gasparri] ahahahahahah!"

Non so chi me l'abbia scritto su Facebook, ma è sicuramente un Amico (con la A maiuscola) che mi fa piacere di aver trovato.


Farò tesoro delle loro parole: le uniche costruttive e intelligenti che abbia letto e sentito negli ultimi tempi.
2010-12-11 16:32:10potrei dire la stessa cosain risposta a questo messaggio
di certi "anche no" e di altri modi di intervenire altrettanto maleducati, dopo che qualcuno, in questo caso della farina, ha semplicemente fatto notare che non c'era stata alcuna risposta (magari un pò stizzito, perchè si aspettava qualche indicazione) e ha ricevuto una risposta-fiume che non aveva senso di esistere, soprattutto perchè subito dopo ha chiesto scusa (perchè non sapeva dei motivi di lavoro che c'erano dietro alla mancata risposta).
Così come è maleducato affermare che le parole degli altri sono "sciocchezze".

Non ho mai detto che qualcuno la debba pensare al 100% come me, ma che c'è anche qualcuno che non la pensa al 100% come voi! Mi sembra assolutamente differente!

E' incredibile affermare che è un altro a cercare lo scontro quando si è i primi a cercarlo (vedi ad esempio l'intervento dopo che avevo espresso alcuni miei "dubbi" su cosa stava accadendo dalle parti del M5S, fuori luogo e certamente pregiudizievole, che mi ha proprio lasciato di stucco) o si interviene dando del "troll" a qualcuno.

Non mi sono mai permesso di dare appellativi a qualcuno, se non era strettamente necessario e causato da interventi provocanti (tipo non rispondere a domande dirette e accusare qualcun altro o, come sopra, scrivere risposte a valanga che lasciano stupefatti)

Ma ovviamente ognuno rigira la frittata come vuole.

P.S. il grillino non era riferito a te

2010-12-11 15:32:54I miglioriin risposta a questo messaggio
Grazie per il "troll", detto da persone che credono semplicemente di essere superiori e che le loro idee siano le migliori non può che essere un complimento.

Rispondo anche a Luca: ho problemi con la maggior parte degli utenti che scrivono su questo sito, per il semplice fatto che appartengo all'Associazione sbagliata e al Partito sbagliato e vengo qui a tentare di dire che le cose magari sono leggermente diverse da come vengono definite qui (vedi i cementificatori) e che magari le vostre idee non sono proprio le migliori, ma hanno lo stesso valore di quelle degli altri (che sono diverse).

Le vostre risposte?

Ghedini, Bocchino, Gasparri, Bondi, "anche no", troll, e altri simpatici appellativi, per poi scandalizzarvi se magari rispondo a tono (pensa te!).

Sono le stesse scene che vedo in ogni forum dove sono presenti grillini e simpatizzanti: chi la pensa diversamente, o appartiene al partito sbagliato viene denigrato allo stesso modo! E voi sareste il nuovo che avanza? Accidenti!

Non ci provate neppure per un secondo a pensare che magari quello che scrivo può essere un'idea anche solo minimamente da prendere in considerazione: è sbagliata. Punto.

Voi vivete con le vostre certezze immodificabili: i politici sono tutti uguali, ci prendono tutti in giro, la grande distribuzione ci prende in giro, gli altri sono cementificatori, sbagliano sempre, non prendono in considerazione l'ambiente, la comunità, la biblioteca.

E il fatto stesso che si voglia fare una serata univoca non fa che sottolineare tutto ciò: perchè ascoltare gli altri, se so già che tanto io voglio solo ascoltare chi pare a me ("magari un'altra volta" ascolto gli altri... come per dare un contentino)?

Quello è arricchirsi culturalmente? Senza confronto? Partendo con l'idea che si ascolta solo una voce perchè tanto quella degli altri è superflua?

Quanto son contento di essere un troll!

Italo aveva creato questo sito per dare uno spazio alle "libere idee": vedo che si sta trasformando sempre più in una riserva indiana dei migliori. Che peccato!


2010-12-11 12:21:30basta leggere il titoloin risposta a questo messaggio
per capire il contenuto di quanto hai scritto, senza dover riportare frasi e commentarle (ognuno avrà il diritto di rispondere come vuole o vuoi imporre tu lo standard?).

Hai ragione, non entriamo in polemica, anzi non continuiamo proprio a discutere: non ne vale la pena, non sono scambi di idee, è solo un tuo sproloquio dove te la canti e te la suoni e pretendi di fare il simpatico prendendo in giro gli altri partendo dal fatto che ti senti a priori il migliore (non mi sono offeso, semplicemente lascio a te e ai nerd campo libero in queste dimostrazioni).

Forse varrebbe più la pena discutere con Gasparri, Bocchino e compagnia: incredibilmente sarebbero meno pieni di sè, meno irridenti e meno sbruffoni.


E'accentatoèaccentato.




2010-12-10 22:43:59E perchè dovrebbe sfociare in lite?in risposta a questo messaggio
Non penso che questi confronti debbano per forza sfociare in lite, a meno che non si parta già con l'intenzione di sparare a zero sulle idee dell'altro, non trovi?

Forse rileggendo cosa ha scritto Luca nella sua dirompente risposta qualche dubbio viene, innanzi tutto perchè vedo una certa ironia, se non un disprezzo, verso le grandi catene distributive e i loro (falsi?) biologici, in secondo luogo perchè se definisse "un Gasparri" il suo interlocutore allora si, forse qualche lite scoppierebbe :-D

Ma sono invece sicuro che nel caso manterrà una figura e un contegno professionale.


Per concludere una battuta:

Tempo fa un utente del sito mi ha definito:

-Bondi
-Bocchino
-Ghedini
-Capezzone

da qui, ridendo mi viene da dire:

a) Luca la prossima volta impegnati di più, perchè lì addirittura erano 4 :-D

b) Signori decidetevi! Non so più che maschera comprare per Carnevale! Italo apri un sondaggio! :-D

2010-12-10 18:11:34sarebbe bello un confrontoin risposta a questo messaggio
Visto quanto scritto da Luca, sembrerebbe che il biologico di marchio Coop o di altri marchi non sia "realmente" biologico (sempre che non abbia capito male), quindi magari, per non rendere la serata univoca, sarebbe magari il caso di invitare anche una controparte (se non ricordo male la Coop dava la disponibilità ad organizzare cose del genere, mi pare di averlo letto sul periodico che spediscono a casa).
Io non ho contatti, però magari qualche utente o lettore si, o li si possono ottenere in qualche modo.
2010-12-10 17:08:09Caro Lucain risposta a questo messaggio
Immagino tu sia Luca (anche se appare "anonimo")

Mi spiace che per motivi di lavoro tu non abbia potuto darmi delle risposte, capita spesso a molti non poter rispondere per motivi di lavoro e di studio e ricevere ingiuste critiche, e per questo ti porgo le mie più sincere scuse.

Non mi sembra di aver mai detto che qualcuno faccia la "cresta" su queste vendite, quindi non vedo perchè tu lo debba ribadire. Ad ogni modo dirlo una volta di più non può che far bene.

Avevo immaginato che non commercializzassi farine, ma immaginavo tu fossi iscritto al GAS (anche dalla risposta di Marco mi sembrava così!), per questo che mi sono permesso di chiedere un "assaggio".

Vedi, purtroppo mentre tu non potevi rispondere, nessun altro ha risposto, e questo ha creato tutti i disguidi e le incomprensioni.

Per quanto riguarda il biologico-non-biologico o solo presunto tale: io sinceramente se è qualificato biologico dalla COOP mi fido.

P.S. riguardo a Gasparri: potrei dire la stessa cosa riguardo al "sovversivo" e a quelle simpatiche frasi su topi sui tetti, ma dato che di solito io rispetto gli altri utenti, soprattutto se non li conosco di persona (o se li conosco poco), evito di dare certi giudizi, seppur inseriti con ipocriti intercalare come "senza offesa" o altri simpatiche ironizzazioni. Ma si sa, le buone maniere spesso rimangono incastrate nella tastiera!


2010-12-10 00:43:27Grazie!in risposta a questo messaggio
Non sapevo proprio come fare, ora che lo so mi iscriverò immediatamente!

La password "grazie" però l'avevo usata nel post di novembre :-(

Ad ogni modo, ripeto il "grazie" a te! :-D

Modifica ore 00:45 => Fatto (con tanto di "per favore" all'inizio e "grazie" alla fine :-P)!

2010-12-09 23:27:11Concordoin risposta a questo messaggio
E all'interno del PD c'è stato un coro unanime di protesta e una tirata d'orecchie molto forte ai deputati ingiustificatamente assenti.

Sono stato il primo a criticare quello che è stato davvero un passo falso ingiustificabile.

Ma ripeto, come sempre si cerca l'errore, il passo falso, ignorando volutamente tutto il resto.

E' molto più facile:

1) si posta un link
2) si scrivono le solite frasi di circostanza ("ci prendono in giro" e similiaria)
3) il piatto è servito

Lo schema è sempre lo stesso, come gli autori sono sempre gli stessi aderenti al solito movimento.

Molto più difficile è cercare di portare avanti qualcosa di costruttivo: proporre qualcosa senza venire subissati di critiche è, soprattutto per la "razza inferiore da eliminare" dei politici, veramente un campo minato!

Ma la speranza è sempre l'ultima a morire, quindi io continuo! :-D
2010-12-09 23:08:56Viva la COOP!in risposta a questo messaggio
Visto che non ho ricevuto risposta, alla fine la farina l'ho comprata alla COOP.

Altrettanto biologica (purtroppo non km 0, ma pazienza) e la cassiera non mi ha chiesto nessuna parola d'ordine per acquistarla.

Per fortuna che c'è la COOP!


P.S. per "iscrivermi" o per "ricevere l'abilitazione" anche a questo servizio del sito come posso fare?
2010-12-09 23:05:29Una firma contro la violenza sulle donneiniziata la discussione
In questi giorni il PD sta portando avanti una campagna di raccolta firme a sostegno del rifinanziamento da parte della Regione Piemonte del Piano Regionale e del Programma contro le molestie e la violenza.
L'attuale Giunta ha infatti azzerato i fondi destinati a queste iniziative regionali.

Per maggiori informazioni potete leggere qui

Non vi nascondo ovviamente che questa raccolta firme ha un carattere politico, ma penso che dinanzi a certe istanze sociali non si debba proprio guardare il colore, ma il fine: ed in questo caso il fine è alto, irrinunciabile e socialmente rilevante.

Ho a disposizione ancora 2 moduli per la raccolta delle firme, se qualcuno è interessato a firmare può contattarmi al mio indirizzo email.

2010-12-09 22:19:10Dimenticavo... il 5 x mille?in risposta a questo messaggio
Mi sono dimenticato di aggiungere un'altra azione che ha praticamente salvato una marea di associazioni di volontariato e non solo.

Potete verderla qui
2010-12-06 20:33:11Difendere l'indifendibilein risposta a questo messaggio
Innanzi tutto la figura del padre padrone deriva dal Pater Familias romano, esaltato in maniera spasmodica e indecente dal ventennio fascista, arrivando a stravolgere addirittura quello che era già un (cattivo) costume romano, rendendolo odioso.
E non è solo una questione di contadini, ma di borghesi e nobili, basta leggere un pò di letteratura di qualsiasi Paese Europeo e non.
Non mi pare di aver parlato di delitto d'onore, ma di ben altro, quindi mi chiedo a cosa serva citarlo.
Ricordo inoltre che la maggior parte delle modifiche apportate ai 2 codici (penale e civile) sono state forzature del regime, dato che i lavori preparatori di entrambi i codici avevano ben altro tenore.

Sta cercando di difendere l'indifendibile, ci sono migliaia di migliaia di pagine scritte da studiosi di ogni estrazione politica e sociale che vanno esattamente contro ciò che lei sta affermando: può liberamente rimanere della sua idea, ma la prego almeno di non cercare di venderla come verità.

Lei sta affermando che i magistrati o le istituzioni si siano macchiate del reato di omissione d'atti d'ufficio?
Sta affermando che i manifestanti non vengono perseguiti perchè sono "figli di...", sta affermando che un Pubblico Ministero NON persegue un reato quando ne viene a conoscenza, violando quello che è un suo OBBLIGO.
Sta affermando questo signor Ballauri?
La prego a questo punto di continuare, facendo nomi e cognomi, perchè c'è un articolo del codice penale che punisce questo reato di omissione d'atti d'ufficio, l'articolo 328 c.p.
Se qualcuno ha mancato un suo preciso dovere, lo si denunci!

Non cerchi inoltre di scaricare il barile sulle cinghiate su qualcun'altro signor Ballauri: basta leggere i post precedenti per avere un'idea chiara di quanto accaduto.

"forse erano meglio trattate dai salvatori della patria che le rasavano , violentavano e trucidavano solo perchè sorelle di iscritti al Pnf"

Esistono persone violente e ingiustificabili sia a destra, che a sinistra, che al centro signor Ballauri, non mi pare di aver mai negato questo.

2010-12-06 12:50:01La donna nel fascismoin risposta a questo messaggio
Le sue allusioni sono semplicemente indecorose e sterili, ma la capisco, quando si hanno poche argomentazioni politiche la si butta in caciara.

Essere appassionato di storia (romana e delle 2 Grandi Guerre soprattutto) signor Ballauri, non significa patteggiare politicamente per i fascisti; anzi, forse proprio perchè ho studiato con passione la storia posso fare certe affermazioni con cognizione di causa.

Ma cerchiamo di parlare di contenuti:

Le donne erano al centro della politica:

Come mai allora hanno ricevuto il diritto di voto solo nel 1946?

Come mai allora per le donne nel fascismo era vietato il lavoro extradomestico?

Come mai nel Codice Civile originario (1942, prima delle riforme, ultima quella del 1975) la donna era anche per la legge sottomessa all'uomo?

Come mai il programma di crescita demografica ebbe questo effetto: "La maternità - cito parole di uno storico - che definiva potenzialmente ogni aspetto dell'essere sociale femminile, veniva ridotta all'atto fisico di produrre bambini."?

E perchè non parlare della violenza sessuale così come normata dal Codice Rocco (codice penale promulgato in epoca fascista)?

[Piccola contestualizzazione: la donna in epoca fascista era “sposa e madre esemplare”, creatura soggetta ed obbediente al suo destino biologico, alla funzione riproduttiva esaltata come missione per il bene della Patria, cioè del Regime. Sottomessa al Capo Famiglia, ossia l'uomo, nell'esaltazione più indecente della virilità maschile.]

Per il Codice Penale i reati di violenza sessuale e incesto erano rispettivamente parte “Dei delitti contro la moralità pubblica e il buon costume” (divisi in “delitti contro la libertà sessuale” e “offese al pudore e all'onore sessuale”) e “Dei delitti contro la morale familiare”. Così mentre si affermava che la violenza sessuale non offendeva principalmente la persona, coartandola nella sua libertà, ma ledeva una generica moralità pubblica si dimostrava che il bene che si voleva proteggere e tutelare non era tanto la persona quanto il buon costume sociale secondo il quale la donna non era libera di disporre di alcuna libertà nel campo sessuale.

Anzi, per convenienza dell'ordine sociale, la sua sessualità era negata, repressa o volta solo alla riproduzione della specie. La donna stessa doveva ignorarla e, per esempio, la “fanciulla per bene” non doveva avere alcuna notizia sul sesso: nessuno le spiegava come nascevano i bambini, spesso non sapeva niente nemmeno del fenomeno che doveva mutare il suo organismo, le mestruazioni. Lei doveva arrivare al fidanzamento o al matrimonio, meta prefissata della sua formazione, del tutto ignara di qualunque cosa, senza avere a che fare con il sesso e naturalmente del tutto “intatta”. Così intatta, che addirittura si prevedeva una visita medica che CERTIFICASSE LA SUA VERGINITA'.

Per quanto riguarda lo stupro: nella legge così com'era si trovava la distinzione tra violenza carnale e atti di libidine.

[Attenzione: questa parte contiene riferimenti espliciti al sesso]

Spesso molti processi si risolvevano in una ricerca minuziosa del livello di verginità anatomica violata. Questo perché si faceva una distinzione tra “congiunzione corporale” e “atti di libidine”. Ed era la Cassazione che con sentenze strabilianti definiva al centimetro di quanto doveva essere profonda la penetrazione perché fosse riconosciuto il reato di violenza carnale. Se il pene penetrava anche solo un tot sufficiente a consentirgli di riversare lo sperma dentro la vagina allora era considerato un “rapporto completo”. Se invece non c'era versamento spermatico o penetrazione ma “solo” un semplice contatto, anche intimo, offensivo, umiliante, molesto tanto da determinare nel molestatore un piacere equivalente al coito, non veniva considerato “congiunzione”. Se non c'era congiunzione non veniva riconosciuto il reato o cambiava l'entità della pena. Tutto ciò ovviamente senza parlare dell'effetto che un processo di quel tipo poteva avere sulle ragazze stuprate.

[Fine parte con riferimenti espliciti]

Altro reato contro la morale era il “Ratto a fine di matrimonio” e il “Ratto a fine di libidine” (abrogati solo nel 1996).
Il codice distingueva il ratto a seconda del fine che il rapitore si proponeva e puniva meno gravemente chi rapiva a scopo di matrimonio (Matrimonio riparatore: norma abrogata nel 1981, cioè pochissimi anni fa) e più gravemente chi rapiva a fine di libidine, ritenendo evidentemente che privare della libertà una donna e coartarne la volontà allo scopo di sposarla fosse meno grave. Cioè la donna veniva considerata alla stessa stregua di un oggetto che chiunque poteva rompere purchè poi si assumesse l'onere di raccoglierne i pezzi. E si poteva dire forse che il ratto a scopo di matrimonio era la parte peggiore perché mentre nel ratto a scopo di libidine la donna poi poteva fare la propria vita, in quello a scopo di matrimonio invece doveva restare, in quanto merce avariata e non più proponibile, senza più nessuna possibilità di scelta per tutta la vita.
Va notato che nel ratto a fine di libidine è prevista una aggravante se il reato era commesso nei confronti di donna legalmente sposata: la tendenza era quella di tutelare l'oggetto moglie, di proprietà del marito e qui ancora diventa evidente come nel codice era rappresentata la concezione dell'inferiorità della donna.

E l'elenco potrebbe continuare....

Macchine per produrre figli, stuprabili e relegabili in casa, senza diritti politici: se questo è porre al centro la donna, signor Ballauri, mi chiedo cosa sarebbe accaduto se non l'avessero posta al centro.




2010-12-04 03:56:48Difendere le persone o difendere gli ideali?in risposta a questo messaggio
Ciao, penso che l'attributo "veri" sia da intendere non in senso letterale, ma figurato, ossia:
"Il M5S vuole distinguersi dai partiti, ma si comporta esattamente come loro"

Sinceramente non penso che un partito VERO sia quello dove si litiga e ci si insulta, quelli sono partiti MALATI (compreso il mio).

Io continuo a difendere il PD perchè penso che l'idea riformista e progressista vada difesa, che l'idea, i valori dello Statuto, del Codice Etico e del programma siano da difendere.

Di certo non difendo chi (tra gli "alti" dirigenti) ogni giorno (o quasi) in televisione o sui giornali distrugge quel poco che chi lavora sul territorio riesce a costruire tra la ritrosia e la diffidenza dei cittadini, solo per dimostrare a qualche altro "alto" dirigente che "ce l'ha più lungo lui".
Questa gente per me, e non è la prima volta che lo dico, sia quando ne parlo per strada che quando ne parlo in assemblee formali del mio partito, deve andarsene a casa a fare il pensionato, o in barca (e non a caso ho scelto proprio la barca, spero si capisca a chi mi riferisco) in giro per il mondo, per lasciare spazio magari a qualche giovane o qualche vecchio o qualche uomo di mezza età (l'età anagrafica come toccasana è un'altra invenzione malata della politica degli ultimi anni) che sappia capire che il vecchio modo di far politica è obsoleto e che la malattia berlusconiana (che ha colpito anche i partiti di sinistra) si può sconfiggere usando un antibiotico chiamato "saper ascoltare" insieme ad un farmaco omeopatico che si chiama "pensare agli interessi degli altri prima dei propri".

Non so se serva dirvelo, ma non siamo tutti uguali nel PD: ci sono tante, tante, tante brave persone che non finiscono nè in TV nè sui giornali, ma che si fanno in quattro per portare avanti un ideale, beccandosi pure (ingiustamente per loro, ma giustamente se rapportato a chi invece finisce in TV e sui giornali) le critiche e gli insulti dei cittadini.

Magari prima di sparare nel mucchio, pensiamoci.

2010-12-03 02:09:26Vederne 25...in risposta a questo messaggio
....e perdersene 138 (che hanno votato a favore)!

E' bello vedere come si cerca sempre e solo di valutare l'aspetto negativo quando si parla (soprattutto) di PD!

Bello questo dispendio di forze per andare a cercare sempre un difetto, pensare che se si utilizzassero le stesse energie per provare a fare qualcosa di costruttivo, si sarebbero risolti molti problemi.

Ma si sa, cavalcare l'antipolitica e operare in maniera distruttiva è più facile, molto più radical chic e al momento è alla moda!

Ne approfitto, dato che si riportano votazioni inerenti alla Camera, giusto per segnalare un paio di mozioni e di proposte di legge del PD alla Camera, così magari si riuscirà a trovare una pecca anche lì!


Mozioni:

Sul rispetto delle norme europee che vietano qualsiasi cooperazione alla pratica della pena capitale

Introduzione nell'ordinamento italiano dell'istituto del congedo di paternità retribuito

Qui ci sono tutte le altre

Proposte di legge:

Proposta di legge: CUOMO: "Istituzione del Parco archeologico di Paestum nonché disposizioni per la salvaguardia e la valorizzazione del sito" (3919)

Proposta di legge: MIGLIOLI: "Disposizioni in favore della ricerca sulle malattie rare e della loro cura" (3904)

Qui ci sono tutte le altre

Ma ovviamente questo non significa nulla, sono balzelli scritti in politichese che non aiutano di certo la popolazione e di certo non possono giustificare quei 25 Deputati che hanno votato contro ad un emendamento che neanche con i loro 25 voti sarebbe passato: è l'immagine negativa che conta, altrimenti come si fa a giocare al tiro a segno?

Spero veramente che se ci saranno nuove elezioni il Movimento Cinque Stelle riesca ad esprimere qualche deputato, perchè parlare (denigrando e sfottendo il lavoro degli altri)  è facile, fare è un'altra cosa.

Ad ogni modo, vedo che la trasformazione nei partiti politici che tanto criticate è già in atto.

Chissà, un giorno magari ci troveremo schiena contro schiena a proteggerci dagli attacchi di un nuovo Movimento, che sparerà a zero su tutti, proprio come capita ora con voi!



2010-12-02 18:06:09Che bei valori!in risposta a questo messaggio
"per questo tipo di manifestanti c'è solo la galera dopo una bella dose di cinghiate e basta !!"

e l'olio di ricino magari?

Che bei valori che hanno quelli "di destra e non Pdl": odio, violenza e repressione.

Non solo, immagino, dalla figura della "cinghia", che si propagandi ancora lo stereotipo del "pater familias" che può prendere a cinghiate moglie e figli.

Uno scorcio sugli anni 30 italiani insomma...



2010-12-02 14:26:52Complimentiin risposta a questo messaggio
Questa volta, Italo, i complimenti te li faccio anche io, e come Biagio non aggiungo nulla perchè hai scritto tutto.

Complimenti sinceri, davvero.
2010-12-02 02:24:29Finalmente!in risposta a questo messaggio
Ohhh! Finalmente!

"Attenzione anche a nominare troppo spesso i Partigiani. Non montiamoci la testa. Noi picchiettiamo sulla tastiera con i piedi al caldo sotto la scrivania e giochiamo a fare i difensori dei diritti del mondo. E' un bel gioco, qualche volta è anche una cosa seria, ma nessuno di quelli che scrive qui rischia nulla. Non ci sono santi ne eroi.
Fare il partigiano significava rischiare la propria vita e quella dei propri famigliari, e per molti non è stato solo un rischio, per combattere chi toglieva la vita, la dignità, la libertà.
I nazifascisti non mettevano filtri su Internet, fucilavano e torturavano la gente.
Certi paragoni mi sembrano un tantino presuntuosi, no?"


Non posso che concordare pienamente!

Ogni libertà è da tutelare, tutte, nessuna esclusa, compreso internet e concordo pienamente su quanto detto da Rodotà, anche se implicitamente la libertà di espressione su internet, essendo corollario della libertà di espressione è già tutelata dalla Costituzione senza bisogno di inserire un nuovo articolo, anche perchè, se si dovesse fare così per ogni nuovo "diritto" che si "scopre", la nostra Carta Fondamentale dovrebbe essere modificata ogni settimana!
Per fortuna abbiamo una Corte Costituzionale, una dottrina e una giurisprudenza che, a parte quale anacronismo e qualche scivolone (non sto a spiegare su cosa, son discorsi da giuristi che vi farebbero addormentare alla prima riga), sanno il fatto loro e hanno tutti gli strumenti per tutelare in via implicita e interpretativa anche il diritto ad internet!

Ma Italo, per cortesia, basta con questo paragone: è davvero mancanza di rispetto verso i Partigiani, e un iscritto ANPI (quale tu sei) dovrebbe saperlo più di tutti gli altri.

2010-11-29 14:30:53Anche io!in risposta a questo messaggio
Visto che da qualche mese a questa parte, avendo acquistato un forno a legna, il pane (e le torte, le pizze nonchè le mele cotte al forno quando questo è solo più tiepido) a casa mia viene totalmente autoprodotto, approfitterei anche io, in modicissima quantità, per provare.

Vorrei solo sapere quantità, qualità e prezzi delle farine (non ho modo di macinare, al momento).

Come posso fare?

Grazie!
2010-11-29 12:38:54ma...in risposta a questo messaggio
Ciao Biagio,

per quanto riguarda l'unione di più piccoli Comuni mi trovi assolutamente daccordo e la razionalizzazione che ne consegue, ne avevamo già parlato, ricordi?

Il problema è però che è ben difficile prima convincere i Comuni ad unirsi totalmente (e non solo per certi aspetti, come ad esempio è stato fatto con i vigili urbani creando un consorzio), perchè sono tanti gli interessi a rimanere separati, nonostante la sicura maggior positività dell'unione.

Perciò e purtroppo, i Comuni singoli devono ogni giorno far quadrare i loro bilanci... e a questo punto mi chiedo:

se l'introito dell'ICI è scomparso, se il contributo sostitutivo promesso dal Governo non è MAI stato erogato (se non in cifre irrisorie), non avendo inserito tasse comunali (come è avvenuto in altri Comuni), da dove può arrivare un introito al Comune se non tramite:

a) fondi regionali e provinciali (ma bisogna partecipare al bando, spartendosi una torta troppo piccola insieme ad altri affamati), fino a quando ci saranno, e non è che questi enti stiano tanto bene

b) oneri di urbanizzazione

c) contravvenzioni e similaria

O si decide di inserire delle tasse comunali, reintroducendo di fatto l'ICI e mannaggia a chi l'ha tolto, oppure davvero non so da dove si possano andare a prendere i soldi necessari per far andare avanti la baracca.

Ovvio che se poi si hanno idee migliori tutto è benvenuto, sia scritto in maniera palese sia in codice "sovversivo", ovviamente scegliendo se prendere le cose seriamente o giocare con la fiducia accordata.

P.S. mi fa piacere leggere finalmente delle risposte specifiche a delle domande, se non l'hai ancora ricevuto ti girerò il .pdf delle osservazioni della Regione, così avrò di sicuro una risposta garbata e con nozione di causa sull'argomento.

2010-11-28 04:08:03mi spiacein risposta a questo messaggio
di essere stato magari un pò netto nel mio commento alle tue affermazioni, ma tendo a dire ciò che penso con la massima sincerità e davvero ho trovato il tuo intervento totalmente fuori luogo, perchè se avessi voluto fare ciò che tu hai scritto, l'avrei fatto alla luce del sole e lo avrei soprattutto affermato palesemente.
Mi ha colpito negativamente il tuo ricercare, in questo caso, una dietrologia che non c'era.
Posso prometterti di non scrivere mai più "fuori tema" se la cosa ti disturba :-D
2010-11-27 12:41:48Peccatoin risposta a questo messaggio
Sarebbe stato sicuramente un confronto costruttivo.
2010-11-26 15:50:01Fuori temain risposta a questo messaggio
Grazie fabri per il tuo intervento, mi riconosco soprattutto (e purtroppo, dato che i partiti di sinistra dovrebbero dire qualcosa di sinistra, compreso il mio) in questa frase:

"il movimento a 5* è l'unica realtà di questi ultimi anni ad avere detto qualcosa di diverso e - per citare il cinema - ad aver detto qualcosa di sinistra! "

Anche se qualcosa di sinistra si è visto a "Vieni via con me" (vedi finalmente parole chiare sul fine vita, sul riposizionamento a favore dei lavoratori e non più a favore dei "palazzoni" dove ci si era rinchiusi dando piazza libera alla Lega, e altro), attendo fiducioso qualche fatto concreto (il fatto di andare sui tetti con gli studenti è una goccia dentro il mare, ma meglio che niente, per iniziare) che renda finalmente palese che la rotta è tornata ad essere quella giusta.

Sono contento che per una volta si discuta nel merito delle cose e anche con una chiara visione d'insieme, e non settoriale tra chi ha torto (per forza) e chi ha ragione (per forza).

Grazie

-------------------------------------------------------------------------

Marco, non capisco il tuo intervento, ho chiesto di fugare dei dubbi, non ho fatto dietrologia, non vedo perchè si debba sempre andare a cercare una premeditazione elettorale in tutto.
Sono solo rimasto sorpreso da scelte che non avrei mai pensato di vedere proprio in quel movimento.

E non intendo andare oltre nel risponderti, perchè questa discussione è intitolata Movimento 5 Stelle: non so cosa possano centrare PD e Vendola.
Se vuoi aprire una discussione a tema su quello che hai scritto, sarò lieto di risponderti.

2010-11-26 02:14:56Movimento 5 Stelle : Primarie(?), faccioni, programmi e documenti insieme a PDL e Legainiziata la discussione
Ciao a tutti,

dato che so che tra i visitatori del forum ci sono dei simpatizzanti e (penso) degli elettori del Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo, vorrei porvi tre dubbi riguardanti tre fatti accaduti di recente.

Il primo è il commento di Beppe Grillo sulle primarie milanesi del centro-sinistra, un commento che mi lascia un qualche dubbio, perchè, come scrive Marco Bracconi sul suo blog, se si va sui siti dei candidati che si sono sfidati alle primarie, di programmi ce ne sono (constato la presenza, non essendo di Milano non posso testarne la qualità): qui Pisapia, qui Boeri.
A questo punto mi chiedo: partendo dal dato di fatto che è impossibile che Grillo, da esperto internauta quale è, non abbia visto questi programmi, perchè ha dovuto in ogni caso criticare queste primarie parlando di "faccioni"? Anche perchè i candidati si, erano personalità conosciute, ma di certo non si possono definire dei politicanti che sono lì da trent'anni.

Il secondo è invece relativo alle primarie, prima annunciate a furor di popolo e poi congelate del Movimento 5 Stelle per la scelta del loro candidato a Sindaco di Torino, qui trovate il sito ufficiale (con una spiegazione stiracchiatissima e che sembra che non abbia convinto neanche chi l'ha scritta), qui un commento (non proprio obiettivo, ma che a mio parere spiega la faccenda) su ciò che è accaduto.
Anche qui un dubbio: non si sta forse facendo lo stesso "errore" che si critica tanto nei "partiti", ossia che si sta scegliendo in maniera "partitica" il candidato, con una scelta calata dall'alto e non certo arrivata dai cittadini (dato che chi è stato scelto è arrivato secondo nelle primarie online) alla stessa stregua della scelta che si fa nelle tanto vituperate liste bloccate (puntualizzazione, sono CONTRO le liste bloccate)?

Il terzo è un fatto di cui sono venuto a conoscenza tramite facebook sul profilo di un amico, vi ricopio qui il testo (sto riportando sue parole, NON RISPONDO sui termini e appellativi, che erano a mio parere evitabili)

"Vi ricordate quel comico genovese che spaccava i pc? Vi ricordate quel comico che faceva pubblicita per le grandi multinazionali? Vi ricordate quel comico che proponeva di demolire la vecchia politica? Beh, scordatevi tutto, quella persona ora fa il figo su internet, dice di boicottare le grandi multinazionali e propone modi di fare politica peggiori della Prima Repubblica. Succede infatti che a Rivoli, un comune in provincia di Torino, il partitino personale di quel simpaticone, il Movimento 4 stalle, si coalizza con il PDL, con la Lega, con l'UDC ed una lista civica fodata da un ex assessore che passa da Sinistra a Destra senza neppure passare dal via!

Ricordo ancora che questa estate i grilletti andavano a fischiare il Presidente del Senato perchè mafioso e condannavano il comportamento del partito che lo aveva candidato. Qualcuno glielo dice che quel partito è il PDL e loro ci hanno appena firmato un documento assieme? Poi dicono di fare opposizione al neo presidente Cota, con tanto di prese di distanza dal suo partito razzista e xenofobo. Qualcuno glielo dice che quel parito è la LEGA e loro ci hanno appena fatto un volantino?

E delle critiche a Cuffaro e Casini? Vogliamo anche parlare di quelle? Qualcuno glielo dice che quel parito è l'UDC e loro ci vanno sottobraccio firmandoci anche un volantino?

Che gente! Coerenti a giorni alterni, uno si, l'altro no.

Già che si parla di questa gente, vorrei ricordare che fino a ieri erano il partito della democrazia, del web, del popolo, che proponevano nuovi metodi di scegliere i candidati, primarie sempre e comunque e che succede? Tre dei loro chiedono le primarie per la candidatura a sindaco della città di Torino ed il loro capo che fa? Cancella le primarie ed impone il candidato! Che ridere! Indovinate un po' chi viene candidato? Uno che per usare il loro gergo ed i loro toni è stato trombato prima alle elezioni provinciali e poi alle regionali! Insomma, il nuovo che avanza! Un PLURITROMBATO, sempre per usare il loro linguaggio. Come ho sempre sostenuto, Grillo ed il suo movimento sono ospiti di passaggio nel mondo della politica, prima toglieranno il disturbo, prima si potrà riprendere a lavorare dignitosamente!"

Il tutto è correlato da questa foto

Qui i dubbi sono due: Grillo sa di questa situazione a Rivoli? Non c'è forse un pò di incoerenza?

Grazie a chi volesse togliermi questi dubbi!



2010-11-19 03:23:59precisazionein risposta a questo messaggio
Grazie Igor per aver descritto anche i campi di eccellenza della Sanità italiana e piemontese: ne approfitto per sottolineare che quando affermo che gli ospedali hanno problemi a far fronte alle spese ordinarie, mi riferisco ad una situazione che purtroppo è recente, dovuta ai tagli sconsiderati del Governo ai fondi destinati alla Sanità.

Prima di questi tagli alcuni investimenti erano possibili e sono stati effettuati (vedi l'installazione della macchina per la TAC a Lanzo e il salvataggio dell'Ospedale - oltre che dei beni dell'Ordine - Mauriziano di Torino e gli investimenti fatti in quell'ente dalla Giunta Bresso, tanto per fare due esempi).

Ma anche se questi tagli non fossero avvenuti, la sostenibilità della Sanità senza una razionalizzazione non sarebbe possibile, nemmeno con il cablaggio in fibra ottica o in Wi-Fi di ogni singola stanza di ogni singola ASL o ospedale, perchè il problema non è di rete: il problema è di struttura, di utilizzo del personale, di utilizzo dei locali e di utilizzo dell'indotto.

Non mi mettere in bocca affermazioni che non ho fatto, Italo: non ho detto che la Sanità italiana è peggiore di quella dell'Africa.
I dati da te citati si riferiscono ad ospedali operanti in Stati africani per così dire "privilegiati", e per di più in non tutte le zone del loro territorio (prova a fare un giro sul sito di Emergency o in quello di Medici Senza Frontiere o di altre Onlus e Ong che si occupano d'Africa).

Non cerchiamo soluzioni semplici: sono bellissimi e tecnologicissimi palliativi, non cure vere e proprie per la "malattia" degli ospedali.

E con questo, per ora, chiudo i miei interventi, direi che di carne al fuoco ce ne sia a sufficienza.

2010-11-18 22:05:49...in risposta a questo messaggio
Se devo essere sincero ho seguito solo questa parte sulla sanità perchè mi sono sentito chiamato in causa e perchè riguardava un argomento che interessava pesantemente non solo La Cassa ma tutto il territorio.

Ad ogni modo:

1) quarantanni di crescita del PIL con quarantanni di maggior crescita del debito si, portano ad essere più poveri di prima.

2) una direzione? una "possibile" direzione, ma che di sicuro anche se fosse scelta non arriverebbe mai allo scenario apocalittico che tu hai pronosticato, per il semplice fatto che andrebbe a scontrarsi con una cosa che si chiama Costituzione Italiana, di solito chi si scontra contro questa cosa si fa parecchio male (anche l'unto del Signore s'è preso delle belle batoste, e con buona probabilità il 14 dicembre se ne prenderà un'altra dalla Corte Costituzionale)

3) non penso proprio che sia peggio che in Africa, penso solo che se non si conoscono i fatti, la concreta realtà della situazione, le implicazioni che portano certe scelte, è sempre facile parlare.

4) non sei etereo, semplicemente ogni tanto quando scrivi certe cose mi chiedo se vivi sulla Terra o nella città di Utopia :-D
2010-11-18 20:51:48Errata Corrigein risposta a questo messaggio
Il debito pubblico italiano è oggi al 116% del PIL, negli anni 60 era al 32,6% del PIL (1963), quindi se tu dici che la ricchezza si è quadruplicata, posso dirti che anche il debito pubblico si è quadruplicato: la somma? ZERO


In questa parte ho fatto un grossolano errore: in realtà, e facendo un calcolo (spero nessun economista mi uccida per la rozzezza del calcolo) elementare e spiccio, se io produco 100 e devo pagare un debito di 36, sto di sicuro meglio di quando produco 100 e devo pagare un debito di 116, che la mia ricchezza si sia quadruplicata o no!

Quindi semmai la somma è NEGATIVA, assolutamente non zero!

Scusate per l'errore.
2010-11-18 20:30:31La realtà...in risposta a questo messaggio
Non sono daccordo, Italo, vedo di risponderti punto per punto:

1) questione ricchezza italiana: si tratta di una ricchezza potenziale e statistica che non si riflette nella realtà, per tutta una serie di variabili contabili e non. Per esemplificare ti posso dire che l'ultimo bilancio della Provincia di Torino (giusto per non andare molto lontano, anzi andare parecchio vicino a noi) è formato da soli capitoli di spesa ordinari, e se si va avanti di questo passo la Provincia nel 2013 (o 2015, ma non è l'anno il dato fondamentale) NON avrà i soldi per fare fronte nemmeno alle spese ordinarie (di mantenimento puro e semplice di ciò che c'è già, stipendi dei dipendenti compresi). Quindi altrochè opere straordinarie e similaria!
Il debito pubblico italiano è oggi al 116% del PIL, negli anni 60 era al 32,6% del PIL (1963), quindi se tu dici che la ricchezza si è quadruplicata, posso dirti che anche il debito pubblico si è quadruplicato: la somma? ZERO

2) questione discorso su specializzazione e risorse esigue: non è un discorso da amministratori che eseguono il loro compitino e non mettono una riga o un euro di più, ma è il discorso che fanno i nostri maggiori costituzionalisti quando si discute sul problema del rapporto tra diritti e risorse, e se permetti, i nostri costituzionalisti non sono i primi cretini che incontri per strada, anzi, abbiamo la fortuna di eccellere in qualcosa grazie proprio a loro.
Per quanto riguarda la tua iperbole su Vienna e Londra: potrei risponderti dicendo che allora se ognuno volesse un ospedale vicino a casa ci ritroveremo, tirando due calcoli sommari, ad avere 500 mila di ospedali in tutta Italia? Si tratta di voli pindarici che hanno semplicemente somma 0.
Anche perchè, nella mia (per quanto assolutamente personale e di certo non qualificata) "soluzione", ho inserito tutta una serie di poliambulatori che potrebbero risolvere i casi clinici più semplici e non ho mai detto che gli ospedali debbano essere a 400 km di distanza, mi sembra ovvio che nell'arco territoriale di una Provincia o al massimo di una Regione (per le specializzazioni più rare e complesse) si dovrebbe racchiudere il tutto, dal raffreddore al doppio bypass al trapianto per giungere alla cura dei tumori più devastanti.

3) per quanto riguarda la rete: vorrei metterti al corrente del fatto che ci sono ospedali piemontesi che hanno, tutt'ora, intere ali degli stabili senza aria condizionata, molti altri ospedali fanno i salti mortali per poter mantenere quei posti letto (già tagliati) che possono offrire.
Non ci sono i soldi per mantenere i servizi ordinari, pensa se ce ne sono da investire in rete; "indebitiamoci, tagliamo da qualche parte, razionalizziamo"mi dirai... beh, penso che molti contabili, molti dirigenti ospedalieri e di ASL sarebbero pronti a farti una statua in piazza se tu sapessi dirgli DOVE tagliare, DOVE razionalizzare, COME indebitarsi (senza andare a rotoli) perchè loro hanno finito le idee.
Inoltre, conosco più di una persona che lavora in ospedale, e per un radiologo ad esempio, pensare che un qualsiasi esame che lui effettua a Torino, venga analizzato da una macchina a Roma e refertato da un radiologo romano per poi ricevere il risultato sulla cui formazione lui è contato pari a zero, è un oltraggio alla sua persona professionale, non un vantaggio.

4) per quanto riguarda la formazione: oh qui si che mi trovi daccordo! Formazione, formazione, formazione!

Purtroppo, per concludere, fare voli pindarici (in senso buono) e lavorare di se e di fantasia è davvero semplice, e porta molti a pensare che siano gli amministratori ad essere ottusi, i politici ad essere dei papponi mangiasoldi a tradimento ecc ecc ecc.

"Ma perchè i politici non ci pensano? E' così semplice!" "Perchè gli amministratori non hanno fatto quello? E' chiaro..."

No, non è semplice e non è chiaro, perchè il progetto migliore, l'idea migliore, tutto il migliore che con la fantasia, con l'ingegno e con l'impegno si possa creare si scontra con la realtà: la contabilità, la fattibilità, le leggi (troppe, farraginose, tutto quello che volete, ma che sono da rispettare) e il fatto che non sei il solo a decidere (è la democrazia).


2010-05-04 11:19:32Richiesta di cancellazioneiniziata la discussione
Ciao Italo e ciao a tutti gli utenti,

mi riferirò in prima persona ad Italo, perchè è con lui che ho mantenuto i contatti dopo aver deciso di non scrivere più su questo sito.

Mi sono preso molto tempo per pensarci, per ponderare bene questa decisione: ho ripensato agli interventi di alcuni utenti del sito (tutti gli interventi in generale, non per forza qualcuno in particolare), e anche ad alcune tue "provocazioni" (google e apple e quello sull'Australia, soprattutto) e ho deciso che è il caso di lasciare il sito come utente (non come redattore della parte ANPI e LCUPPT, dove ho preso un impegno con altre persone che intendo rispettare).

Ti chiederei quindi gentilmente di cancellare il mio profilo e tutti i miei interventi con esso.

E' una decisione drastica e che sicuramente non ti farà piacere (come admin per il lavoraccio che ti sto per far fare e come utente e "amico di tastiera", possiamo dirlo?), ma penso che davvero si sia oltrepassato il limite del rispetto, più negli interventi che nelle tue "provocazioni", che sono invece pacate, anche se io le trovo fuori luogo (preferirei un intervento in assemblea o uno scritto privato all'attuale direttivo, rispetto ad una crocifissione pubblica, ma è una mia opinione e può essere sbagliata) e non fondate (ma potrei sbagliarmi pure qui).

Purtroppo la discussione non è più nè pacata nè serena nè corretta: noto con dispiacere che gli interventi dei membri di LCUPPT vengono esortati anche con metodi e termini provocatori (neanche fosse una sfida, neanche fosse un obbligo scrivere su questo sito), vengono fatti paragoni, allusioni,mistificazioni atte a danneggiare, criticare in maniera non costruttiva e mettere in cattiva luce LCUPPT (in nome di non si sa bene che cosa) e nel momento in cui qualcuno tenta di spiegare le ragioni del gruppo o dà delle opinioni che non sono quelle della maggior parte degli altri utenti del sito viene etichettato come il professorino con la verità in tasca che pensa che tutti gli altri siano degli idioti, oppure come un talebano censore.

Questo non lo accetto, io ho solo un'opinione diversa da quella degli altri e non mi sono mai permesso su questo sito di dare epiteti di questo genere a chi la pensava in maniera diversa da me.

Lacassa.net oramai mi sembra più un tribunale dove viene processato LCUPPT che un sito di opinione.
Non è lo spirito che vorrei vedere in lacassa.net, non è lo spirito per creare una comunità migliore.

Mi sbaglio? Non ho capito gli interventi degli altri utenti? Sono davvero un professorino presuntuoso talebano censore?
Possibile, ma tra i miei mille difetti penso di avere un pregio, ossia quello di essere trasparente, di dire quello che penso sempre e comunque e di non nascondere mai nulla.
Per questo ho inserito questo ultimo mio post: per fare chiarezza, per dire esattamente ciò che penso e per dare una motivazione alla richiesta di cancellazione dell'account e degli interventi.

Rimarrò un lettore di questo sito e spero di poter tornare a scrivere, ma non ora e non con questo clima.

Saluti a tutti

2010-03-25 12:07:13Non è il mio mondoin risposta a questo messaggio
Nessuno detiene la verità, ciascuno detiene le proprie idee e le esprime: se poi le mie idee danno così fastidio, sono così anacronistiche e trogloditiche provvederò a scriverle su un altro sito (o magari a scriverle su carta, la sana carta), dove non verrò tacciato di essere un superbo solo perchè le ho espresse.

Io ho sinceramente paura della rete, paura; e non me ne vergogno ad affermarlo.
Per il semplice fatto che la rete non è reale, è virtuale.
Non finirò mai di imparare riguardo ai metodi di comunicazione informatici, non ho mai detto di sapere tutto su di essi, anzi ribadisco di sapere di non sapere!
Ma piu' imparo piu' mi spavento.

La rete è un aiuto nel lavoro, nelle comunicazioni, nelle ricerche, ma deve rimanere un aiuto: non può diventare la realtà.

Quello che leggo in alcune affermazioni su questo sito mi fa venire i brividi: perchè si sta esaltando una manciata di bytes, si sta esaltando l'irreale.

Se domani per qualche strana combinazione tutti i server del mondo si spegnessero, se tutti gli hard disk del mondo perdessero i loro dati a voi cosa rimarrebbe? Nulla, rimarrebbe un ammasso di componenti elettroniche che dovrebbero essere portate in discarica, un mondo intero distrutto in pochi secondi.
E voi, fautori della rivoluzione informatica, ritornereste a dover scrivere sulla carta, a usare i piccioni viaggiatori e ritornereste a parlare invece che a chattare.
E' questa la società del futuro? Beh allora io voglio vivere il presente finchè posso, perchè il futuro non mi piace per nulla.

Un giorno ci ritroveremo ridotti a vivere le nostre vite dinanzi ad un monitor, magari su Second Life, affermando quanto è bello parlare con un Australiano (quando magari non ricordiamo la faccia del nostro vicino di casa) dimenticandoci che fuori c'è il mondo reale, fatto di parole e non di bytes?
E' questo il mondo che sognate? Beh, non è il mio mondo.

Sono un troglodita? Un uomo delle caverne? Un giovane che intellettualmente e culturalmente ha 90 anni?
Beh sono orgoglioso di esserlo.

Beato chi rispetta anche le idee trogloditiche, ma forse il rispetto si sta perdendo tra i bytes di queste pagine.

Penso che questo sarà uno dei miei ultimi interventi, perchè questo sito per migliorare la comunità sta cominciando palesemente a distinguere tra 2 comunità: quella globale e splendida del futuro di internet e quella trogloditica e campanilistica dei politici e degli amministratori onesti ma incapaci e superbi.

Che delusione.
2010-03-25 00:58:59Più maiuscolo per tutti!in risposta a questo messaggio
Certo che come primo intervento è decisamente a gamba tesa! :-D

Risponderò brevemente:

Coerenza => afferma di aver letto per mesi, forse si è perso qualcosa allora.

Onestà => onestà politica, ossia portare avanti le proprie idee e i propri programmi senza dover coprire di fango quelli degli altri, la diffamazione è qualcosa che va più in là di questo

Saper fare politica => l'ho fatta ridere con qualcosa di serio, direi che è un gran risultato! Come lei anche io passeggio in paese, se magari inserisce una foto se la incontro la saluto, magari potremmo fare anche due chiacchere sull'uso del maiuscolo, quante cose si potrebbero imparare, senza ironizzare sugli altri ma magari provando a rispettare le persone e l'uso che fanno della loro tastiera. E magari potrebbe anche incontrare Giovanni Nepote, e lui le potrebbe dire che con un pò più di attenzione (e nella sezione giusta) potrebbe leggere tante cose che sono state scritte da lui.

Lei parla di confronto (o di paura di esso): con questo scritto lei pretende di aprire un confronto?
A questo punto mi chiedo cosa significhi per lei confronto: da quel che scrive mi pare che si tratti di rispondere con i fiori alle sue cannonate; forse ha bisogno di rivedere un poco la definizione esatta del termine.

Infine trovo cattivissimo anche io qualcosa, ossia i suoi giudizi sugli spessori culturali: ho già avuto insegnanti e professori sufficienti, la prego di non aggiungersi all'elenco.

Lei ride, io mi rattristo, conclude con pace uno scritto che è tutt'altro che pacifico (e mi spaventa il fatto che ci sta pure prendendo gusto): ma questa è solo un'opinione di un giovane che si batte per i diritti del maiuscolo.

2010-03-24 19:50:49LaCassa.net, sito dove si dovrebbe parlare di La Cassainiziata la discussione
E non si dovrebbe parlare di campagna elettorale....

Sono rimasto così strabiliato da cosa si è riusciti a scrivere in questo forum che non sapevo neppure se rispondere direttamente nella discussione, o crearne una nuova.
Ho deciso che si era spalato talmente tanto fango su tutto e su tutti che forse era meglio creare una nuova discussione "pulita".

Avevo promesso di non fare nemmeno una parola sulla campagna elettorale, e continuerò a mantenere questa parola data, si chiama COERENZA.

Non ho bisogno di gettare fango sull'avversario per fare campagna elettorale, questa si chiama ONESTA'.

Nè io nè Giovanni Nepote abbiamo bisogno di sponsorizzare i nostri partiti su un sito internet  nato con l'intento di migliorare una comunità parlando della comunità, perchè per fare campagna elettorale si sta fuori di casa, per le vie del proprio paese e di quelli vicini, e non dietro un monitor; questo si chiama SAPER FARE I POLITICI.

Spero vivamente che il gestore del sito richiami all'ordine, o si vedrebbe snaturato il senso di questo sito.


2010-03-12 23:36:21discussione accesa, non litigioin risposta a questo messaggio
Caro Giorgio, le tue parole mi fanno davvero molto piacere e chiedo scusa a tutti se magari ultimamente sono un pò (così tanto? non mi sembra, ma se per gli altri lettori è stato fastidioso mi copro la testa di cenere) uscito dal seminato.
Da parte mia non c'è assolutamente nessuna intenzione di "litigare" con Italo, tutt'altro!
A volte gli scambi di punti di vista possono assumere toni accesi e magari contenere qualche "punzecchiatura", sta nella maturità delle persone capire che si sta discutendo e quindi non assumere un atteggiamento aggressivo o offendersi per qualche stilettata dialettica.
Io non serbo rancore verso Italo ( e penso che per lui valga la stessa cosa ), anzi dopo questi scambi penso sempre di più che sia una persona intelligente.

A presto!
2010-03-12 01:23:24Statistiche: forni e freezeriniziata la discussione
Ho sentito per radio un aforisma di Charles Bukowski it.wikipedia.org/wiki/Charles_Bukowski

Condivido e sottoscrivo il suo pensiero riguardo alle statistiche (tanto per rimanere in tema di ciò che è stato riportato da Italo in home page).

Egli afferma:

"Non mi fido molto delle statistiche, perchè un uomo con la testa nel forno acceso e i piedi nel congelatore statisticamente ha una temperatura media"

Si coglie qui il peggior difetto delle statistiche: non sanno cogliere appieno la realtà, perchè vogliono per forza trovarne il punto medio.
2010-02-24 18:48:48Bilancio di un'epocainiziata la discussione
BILANCIO DI UN'EPOCA

Latte, burro e uova

1969 :
Vai a prendere il latte dal lattaio, che ti saluta, con in mano il bidone in alluminio; prendi il burro fatto con latte di mucca, tagliato a panetti. Poi chiedi una dozzina di uova che sono messe in un vaso di vetro. Paghi con il sorriso della lattaia ed esci sotto il sole splendente. Il tutto ha richiesto 10 minuti di tempo.

2010 :
Prendi un carrello del cavolo, che ha una ruota bloccata, che lo fa andare in tutti i sensi salvo in quello che tu vorresti, passi per la porta che dovrebbe girare, ma che è bloccata perché un cretino l'ha spinta; poi cerchi il settore latticini, dove normalmente ti ghiacci e cerchi di scegliere fra 12 marche di burro, che dovrebbe essere fatto a base di latte comunitario. E controlli la data di scadenza....
Per il latte: devi scegliere fra vitaminico, intero, scremato, nutriente, per bambini, per malati o magari in promozione, ma con la data di scadenza ed i componenti.... Lasciamo perdere!
Per le uova: cerchi la data di deposizione, il nome della ditta e soprattutto verifichi che nessun uovo sia incrinato o rotto e, accidenti!!! Ti ritrovi i pantaloni sporchi di giallo!
Fai la coda alla cassa, ma la cicciona davanti a te ha preso un articolo in promozione che non ha il codice....
allora aspetti e aspetti.... Poi sempre con questo carrello del cavolo, esci per prendere la tua auto sotto la pioggia, ma non la trovi perché hai dimenticato il numero della corsia....
Infine, dopo aver caricato l'auto, bisogna riportare l'arnese rotto e solo in quel momento ti accorgi che è impossibile recuperare la moneta.... Torni alla tua auto sotto la pioggia che è raddoppiata nel frattempo....
E' più di un'ora che sei uscito.

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Fare un viaggio in aereo

1969 :
Viaggi con Alitalia, ti danno da mangiare e ti invitano a bere quello che vuoi, il tutto servito da bellissime hostess: il tuo sedile è talmente largo che ci può stare in due.

2010 :
Entri in aereo continuando ad impigliarti con la cintura, che ti hanno fatto togliere in dogana per passare il controllo.
Ti siedi sul tuo sedile e se respiri un po' forte dai una botta con il gomito allo schienale del vicino. Se hai sete lo stewart ti porta la lista e i prezzi sono stratosferici.

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Michele vuole andare nel bosco all'uscita da scuola. Mostra il suo coltellino a Giovanni, con il quale pensa di fabbricarsi una fionda.

1969 :
Il direttore scolastico vede il suo coltello e gli domanda dove l'ha comprato, per andarsene a comprare uno uguale.

2010 :
La scuola chiude, si chiama la polizia, che porta Michele in commissariato.
Il TG1 presenta il caso durante il telegiornale in diretta dalla porta della scuola.

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Disciplina scolastica

1969 :
Fai il bullo in classe. Il professore ti molla una sberla. Quando arrivi a casa tuo padre te ne molla un altro paio.

2010 :
Fai il bullo. Il professore ti domanda scusa. Tuo padre ti compra una moto e va a spaccare la faccia al prof!

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Franco e Marco litigano. Si mollano qualche pugno dopo la scuola.

1969 :
Gli altri seguono lo scontro. Marco vince.
I due si stringono la mano e sono amici per tutta la vita.

2010 :
La scuola chiude.
Il TG1 denuncia la violenza scolastica.
Il Corriere della Sera mette la notizia in prima pagina su 5 colonne.

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Enrico rompe il parabrezza di un auto nel quartiere. Suo padre sfila la cintura e gli fa capire come va la vita.

1969 :
Enrico farà più attenzione la prossima volta, diventa grande normalmente, fa degli studi, va all'università e diventa una bravo professionista.

2010 :
La polizia arresta il padre di Enrico per maltrattamenti sui minori. Enrico si unisce ad una banda di delinquenti. Lo psicologo arriva a convincere sua sorella che il padre abusava di lei e lo fa mettere in prigione.

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Giovanni cade dopo una corsa a piedi. Si ferisce il ginocchio e piange. La professoressa lo raggiunge, lo prende in braccio per confortarlo.

1969 :
In due minuti Giovanni sta meglio e continua la corsa.

2010 :
La prof è accusata di perversione su minori e si ritrova disoccupata, si becca 3 anni di prigione con la condizionale.
Giovanni va in terapia per 5 anni. I suoi genitori chiedono i danni e gli interessi alla scuola per negligenza nella sorveglianza e alla professoressa per trauma emotivo. Vincono tutti i processi. La prof disoccupata p interdetta e si suicida gettandosi da un palazzo. Più tardi Giovanni morirà per overdose in una casa occupata.

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Arriva il 25 ottobre.

1969 :
Non succede nulla.

2010 :
E' il giorno del cambio dell'ora legale: le persone soffrono d'insonnia e di depressione.

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

La fine delle vacanze.

1969 :
Dopo aver passato 15 giorni di vacanza con la famiglia, nella roulotte trainata da una Fiat 125, le vacanze terminano.
Il giorno dopo si ritorna al lavoro freschi e riposati.

2010 :
Dopo 2 settimane alle Seychelles, ottenute a buon mercato grazie ai "buoni vacanze" ditta, rientri stanco ed esasperato a causa di 4 ore di attesa all'aeroporto, seguite da 12 ore di volo.
Al lavoro ti ci vuole una settimana per riprenderti dal fuso orario.

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Come si dice: viviamo in un'epoca davvero formidabile!
2010-02-23 18:48:08Colpe, soluzioni e mancate fughein risposta a questo messaggio
"Crediamo davvero che questo "uomo solo al comando" abbia generato tutti questi profondi cambiamenti nel paese?"

Assolutamente no, tutti ci abbiamo messo del nostro.

"Se, come credo non è così quali sono state le condizioni, le strutture, le organizzazioni e gli altri uomini che lo hanno "eventualmente" assistito o ancor peggio usato per compiere questa Grande Opera?"

L'elenco sarebbe da enciclopedia, mi vengono in mente per primi Bettino Craxi, le logge massoniche... e di certo non mi astengo dall'inserire parte della Sinistra italiana

"Che ruolo abbiamo, e che ruolo abbiamo avuto noi semplici cittadini nel partecipare, osservare in modo passivo, opporci in modo insufficiente?"

Noi cittadini NON abbiamo partecipato, drogati dalle televisioni e dal consumismo sfrenato abbiamo lasciato che le cose andassero come dovevano andare, e forza Italia!

"Che ruolo possiamo avere nel tentativo di sfilare piccoli brandelli di potere a questa filiera onnipresente?""

Un grande ruolo, semplicemente svegliandoci dal torpore televisio-tossico e consumo-tossico che ci caratterizza da almeno 20 anni

"E se domani tutta Italia rinsavisse e smettesse di attribuirgli il proprio voto saremmo definitivamente liberi e tranquilli, finalmente governati da un'opposizione che ne ha subito i modi burberi, ma che potrà finalmente esprimersi per tendere a quella democrazia perfetta e partecipativa che auspichiamo?"

Le ferite sono troppo profonde, i problemi troppo aggravati, le menti troppo offuscate per pensare che la semplice sconfitta sia sufficiente a restituirci (è mai forse esistita?) l'Italia che vorremmo, serve un radicale cambiamento del pensiero degli Italiani, un maggiore senso dello Stato, un minore individualismo.
Raggiungere poi una democrazia perfetta e partecipativa è un'utopia che il genere umano, per il semplice fatto di essere "umano", non raggiungerà mai, mettiamoci il cuore in pace e lavoriamo per tendere ad arrivare ad una democrazia che sia il più vicina possibile a questa.

Fuggire è inutile, si aggira il problema invece che affrontarlo, se tutti i Partigiani fossero fuggiti 65 anni fa?
2010-02-23 16:51:30Belle ragazzeiniziata la discussione
Posto questo intervento a nome di Filomena Guadagno, che non è riuscita a postarlo.
A mio parere, data l'importanza del contenuto, sarebbe il caso di inserirlo in home page (Italo, si può?)


-----------------------------------------

Dalla scrittrice albanese Elvira Dones riceviamo questa lettera aperta al premier Silvio Berlusconi in merito alla battuta del Cavaliere sulle "belle ragazze albanesi". Durante il recente incontro con Berisha, il premier ha attaccato gli scafisti e ha chiesto più vigilanza all'Albania. Poi ha aggiunto: "Faremo eccezioni solo per chi porta belle ragazze".

"Egregio Signor Presidente del Consiglio,

le scrivo su un giornale che lei non legge, eppure qualche parola gliela devo, perché venerdì il suo disinvolto senso dello humor ha toccato persone a me molto care: "le belle ragazze albanesi". Mentre il premier del mio paese d'origine, Sali Berisha, confermava l'impegno del suo esecutivo nella lotta agli scafisti, lei ha puntualizzato che "per chi porta belle ragazze possiamo fare un'eccezione."

Io quelle "belle ragazze" le ho incontrate, ne ho incontrate a decine, di notte e di giorno, di nascosto dai loro magnaccia, le ho seguite da Garbagnate Milanese fino in Sicilia. Mi hanno raccontato sprazzi delle loro vite violate, strozzate, devastate. A "Stella" i suoi padroni avevano inciso sullo stomaco una parola: puttana. Era una bella ragazza con un difetto: rapita in Albania e trasportata in Italia, si rifiutava di andare sul marciapiede. Dopo un mese di stupri collettivi ad opera di magnaccia albanesi e soci italiani, le toccò piegarsi. Conobbe i marciapiedi del Piemonte, del Lazio, della Liguria, e chissà quanti altri. E' solo allora - tre anni più tardi - che le incisero la sua professione sulla pancia: così, per gioco o per sfizio.

Ai tempi era una bella ragazza, sì. Oggi è solo un rifiuto della società, non si innamorerà mai più, non diventerà mai madre e nonna. Quel
puttana sulla pancia le ha cancellato ogni barlume di speranza e di fiducia nell'uomo, il massacro dei clienti e dei protettori le ha distrutto l'utero.

Sulle "belle ragazze" scrissi un romanzo, pubblicato in Italia con il titolo Sole bruciato. Anni più tardi girai un documentario per la tivù svizzera: andai in cerca di un'altra bella ragazza, si chiamava Brunilda, suo padre mi aveva pregato in lacrime di indagare su di lei. Era un padre come tanti altri padri albanesi ai quali erano scomparse le figlie, rapite, mutilate, appese a testa in giù in macellerie dismesse se osavano ribellarsi. Era un padre come lei, Presidente, solo meno fortunato. E ancora oggi il padre di Brunilda non accetta che sua figlia sia morta per sempre, affogata in mare o giustiziata in qualche angolo di periferia. Lui continua a sperare, sogna il miracolo. E' una storia lunga, Presidente... Ma se sapessi di poter contare sulla sua attenzione, le invierei una copia del mio libro, o le spedirei il documentario, o farei volentieri due chiacchiere con lei. Ma l'avviso, signor Presidente: alle battute rispondo, non le ingoio.

In nome di ogni Stella, Bianca, Brunilda e delle loro famiglie queste poche righe gliele dovevo. In questi vent'anni di difficile transizione l'Albania s'è inflitta molte sofferenze e molte ferite con le sue stesse mani, ma nel popolo albanese cresce anche la voglia di poter finalmente camminare a spalle dritte e testa alta. L'Albania non ha più pazienza né comprensione per le umiliazioni gratuite. Credo che se lei la smettesse di considerare i drammi umani come materiale per battutacce da bar a tarda ora, non avrebbe che da guadagnarci.

----

* Elvira Dones, scrittrice-giornalista.
Nata a Durazzo nel 1960, si è laureata in Lettere albanesi e inglesi all?Università di Tirana. Emigrata dal suo Paese prima della caduta del Muro di Berlino, dal 1988 al 2004 ha vissuto e lavorato in Svizzera. Attualmente risiede negli Stati Uniti, dove alla narrativa alterna il lavoro di giornalista e sceneggiatrice
2010-02-23 01:31:38bellissimain risposta a questo messaggio
"Allora, forse, non conviene generalizzare...se pensiamo che tutto ciò che è nero, è cacca, non assaggeremo mai il dolce cioccolato."

Stupenda Biagio!

2010-02-23 01:30:02me la spieghi?in risposta a questo messaggio
Ciao Italo, rileggo e rileggo questo tuo scritto, ma sarà anche l'ora tarda...

Non capisco bene il senso: è sulla falsariga di Italianistan, questo ok, ma qual'è il significato recondito?

Grazie
2010-02-21 16:29:21Italianistaniniziata la discussione
Come richiesto da Biagio pubblico quanto avevo inviato alla mailing list Partecipazione:

"Salve, sono un cittadino dell´Italianistan.

Vivo a Milano 2, in un palazzo costruito dal Presidente del Consiglio.

Lavoro a Milano in una azienda di cui è mero azionista il Presidente del
Consiglio.

Anche l´assicurazione dell´auto con cui mi reco a lavoro è del Presidente
del Consiglio, come del Presidente del Consiglio è l´assicurazione che
gestisce la mia previdenza integrativa.

Mi fermo tutte le mattine a comprare il giornale, di cui è proprietario il
Presidente del Consiglio.

Quando devo andare in banca, vado in quella del Presidente del Consiglio.

Al pomeriggio, esco dal lavoro e vado a far spesa in un ipermercato del
Presidente del Consiglio, dove compro prodotti realizzati da aziende
partecipate dal Presidente del Consiglio.

Alla sera, se decido di andare al cinema, vado in una sala del circuito di
proprietà del Presidente del Consiglio e guardo un film prodotto e
distribuito da una società del Presidente del Consiglio (questi film
godono anche di finanziamenti pubblici elargiti dal governo presieduto dal
Presidente del Consiglio).

Se invece la sera rimango a casa, spesso guardo la TV del Presidente del
Consiglio con decoder prodotto da società del Presidente del Consiglio,
dove i film realizzati da società del Presidente del Consiglio sono
continuamente intertrotti da spot realizzati dall´agenzia pubblicitaria
del Presidente del Consiglio.

Soprattutto guardo i risultati delle partite, perché faccio il tifo per la
squadra di cui il Presidente del Consiglio è proprietario.

Quando non guardo la TV del Presidente del Consiglio, guardo la RAI, i cui
dirigenti sono stati nominati dai parlamentari che il Presidente del
Consiglio ha fatto eleggere.

Allora mi stufo e vado a navigare un po´ in internet, con provider del
Presidente del Consiglio..

Se però non ho proprio voglia di TV o di navigare in internet, leggo un
libro, la cui casa editrice è di proprietà del Presidente del Consiglio.

Naturalmente, come in tutti i paesi democratici e liberali, anche in
Italianistan è il Presidente del Consiglio che predispone le leggi che
vengono approvate da un Parlamento dove molti dei deputati della
maggioranza sono dipendenti ed avvocati del Presidente del Consiglio,
............. che governa nel mio esclusivo interesse.

Per fortuna!!!!!!!!!"



2010-02-21 16:23:20Firmiamo contro la violenza sugli animali: il caso di Milanoiniziata la discussione
A: Lorenzo Croce presidente nazionale Aidaa

Link video (ancora in rete)
http://www.yourfilehost.com/media.php?cat=video&file=hahahaahh.wmv

Link foto del video
http://img709.imageshack.us/img709/7761/puttass.jpg

Link articolo di Leggo:
http://www.leggo.it/articolo.php?m=20100216_202600&id=47212

"Ancora video contenente immagini di violenza su un cane, nel caso specifico si tratta di due signore che prendono a calci un cane di piccola taglia, il filmato pubblicato sul sito www.yourfilehost.com mostra due donne mentre maltrattano l'animale. Ora dopo una serie di verifiche da parte degli esperti Aidaa le due donne sono state individuate, con loro è stata individuata la persona che ha caricato il filmato in rete e il presidente nazionale Aidaa ha inviato formale denuncia alla procura della repubblica di Milano. Le due donne sono di nazionalità italiana (anche se hanno fatto caricare il filmato attraverso un provider straniero), residenti presumibilmente a Milano, sono state denunciate per maltrattamento di animali ai sensi dell'articolo 544 del codice penale, reato questo che prevede la reclusione fino a 2 anni in quanto in presenza dell'aggravante della violenza gratuita. Oltre alle due signore trentenni sono stati denunciati alla procura della Repubblica anche i responsabili del sito che ospita il video e ne è stata chiesta l'immediata rimozione. «Il fenomeno dei video con violenze su animali è purtroppo un fenomeno grave - dice Lorenzo Croce presidente nazionale Aidaa e firmatario della denuncia - ma questo è quantomeno vergognoso oltre che violento. Ma stavolta a differenza del passato le due autrici del video e colui che lo ha caricato in rete sono stati denunciati direttamente all'autorità giudiziaria grazie al lavoro del gruppo di controllo dei siti internet di Aidaa». «Da quanto esiste questo gruppo di controllo composto da veri e propri esperti della rete sono stati individuati circa 200 video che contengono violenze su animali - conclude Croce - ma questa volta a differenza del passato abbiamo scovato le protagoniste e le abbiamo denunciate alla procura e con loro i responsabili del sito dove è stato caricato questo video».

Amici firmiamo in tanti questa petizione per garantire il massimo della pena alle due assassine di Milano.
Se ci saranno tante firme le invierò a Lorenzo Croce presidente nazionale Aidaa.
Grazie

PER FIRMARE http://www.firmiamo.it/ilmassimodellapenaalledueassassine

2010-02-14 22:44:24Siamo proprio in campagna elettoralein risposta a questo messaggio
Devo rassegnarmi, siamo in campagna elettorale...

Lei, signor Ballauri, ha deciso di aprirla anche sulle pagine di lacassa.net, magari (da buon sinistroide sono sospettoso sì) approfittando del fatto che non essendo una testata giornalistica, nè un sito di informazione, non si debba applicare la par condicio (che invece a quanto pare in Rai, e non in Mediaset, verrà applicata estirpando programmi "comunisti" come Annozero e Ballarò, con lo zuccherino di chiudere anche Porta a Porta per il periodo).

Lei sa che incarico ho a livello partitico, come lo sanno la maggioranza dei lettori di questo sito: sapranno anche che ho sempre avuto l'onestà politica e intellettuale di non utilizzare questo mezzo per scopi elettorali (l'unica volta che ho citato il mio partito è stato per la lettera ai Presidenti, ma ricopiando un articolo di giornale era difficile non citarlo).

Ed è per questo che questa sarà la mia ultima risposta "politica" ai suoi scritti, la coerenza e il rispetto sono due principi che porto avanti con decisione, e utilizzare a scopi elettorali questo sito è mancanza di rispetto verso lo stesso.

Dopo questa premessa veniamo ai contenuti:

la campagna elettorale è purtroppo un periodo in cui i luoghi comuni si sprecano, e qui sopra ne abbiamo chiari esempi:

i suoi "apprezzamenti" sul 25 Aprile sono un luogo comune tipico della destra, fortunatamente questa volta ci ha graziati del luogo comune sulla precettazione dei bambini da parte delle maestre;

così come è luogo comune la giustificazione di certe frasi indecenti (che non ripeto per disgusto) da parte della sinistra,

così come è luogo comune il fatto che i giornali stranieri hanno il beneplacito della sinistra quando criticano il nostro paese; e qui mi chiedo, dovremmo forse negare la realtà? Siamo più patrioti a negare o più patrioti a prendere atto e cercare di cambiare?

E' luogo comune infine il fatto che se qualcosa in Italia va storto, dalla crisi economica al piccione che fa la cacca sulla macchina di Silvio, è sempre colpa della sinistra, dei suoi militanti comunisti e della sua cultura antipatriottica.

Fatto sta che non ha sostanzialmente risposto alle mie domande con qualcosa di veramente suo, che non sia il ripetere la solita e monotona cantilena imparata a memoria come una poesia.




2010-02-14 15:45:42Lutto per l'ANPI e per tutti noiiniziata la discussione
Oggi 13 Febbraio 2010, alle ore 12.00, è spirato Vito Bonadies, Presidente della Sezione Intercomunale dell'ANPI di Alpignano.

I funerali si svolgeranno lunedì 15 alle ore 14.00 nella Parrocchia SS. Annunziata, Via Valdellatorre, Alpignano.

M. Grazia La Monica,  vicepresidente della Sezione

----------------------------------------------------------------------------------------

A me piace ricordarlo così:

www.anpialpignano.it/sud_nord_di_Tito_Gino.htm
www.anpialpignano.it/il partigiano Tito.htm


Onore e Pace ad un altro grande uomo che ci ha lasciati, ed è tornato tra i suoi compagni morti per la Libertà.

Ciao Vito


2010-02-14 02:40:58Ricordiamo, e basta!in risposta a questo messaggio
Buonasera signor Ballauri,

cominciamo dalla "latinità e dalla italianità": innanzi tutto non si tratta del Sacro Romano Impero, ma dell'Impero Romano, cosa assai differente, dato che quest'ultimo è quello che fa riferimento a Roma e ai Romani, dato che il Sacro Romano Impero nacque nel Natale dell'800 d.C. con l'incoronazione di Carlo Magno.
Lei salta la parte della FINE dell'Impero Romano, perchè è con l'invasione degli Avari (all'inizio del 600 d.C.) che le popolazioni slave fanno la loro comparsa: infatti le popolazioni latine e romanizzate si rifugiano nelle città costiere, mentre le campagne (ossia la maggior parte del territorio) viene colonizzato da slavi.
Non fu quindi nella seconda metà dell'800 , e fu tutt'altro che esente da problemi: infatti gli slavi erano pagani e i latini e illiri romanizzati cristiani; si crearono subito forti ostilità che continuarono anche fondendosi con le ostilità tra Ungheria e Venezia, per poi acquietarsi con la completa cristianizzazione dell'area.
Da ciò si conviene alla conclusione che in quelle terre il ceppo è misto, così come è misto in qualsiasi parte del mondo.

Lei salta inoltre un importantissimo periodo, cioè il 1800:

Dopo il 1848 infatti cominciò a formarsi il  "movimento nazionale croato" che diede avvio in Dalmazia al "risorgimento popolare croato" ed agli scontri colla dominante comunitá dei dalmati italiani
Fino a questo momento i Dalmati (sia italiani che slavi) avevano vissuto senza pregiudizi legati alla lingua parlata e ad inesistenti concetti di nazionalità, la cui nascita portò alle prime tensioni fra gli italiani, concentrati nelle città costiere (in molte delle quali erano in maggioranza), e i croati (questi erano emigrati in dalmazia nel VIII secolo d.C. e si erano fusi con gli slavi, giusto per riaffermare che i ceppi sono misti) che erano diventati dal Cinquecento il gruppo maggioritario nell'intera Dalmata.
Tanto sta, che nel 1885 gli italiani persero completamente l'egemonia sulla Dalmazia, concentrandosi nella sola città costiera di Zara.

Dopo la fine della Prima Guerra Mondiale l'Italia tentò una prima volta di annettere la Dalmazia, ma in base al principio della nazionalità stabilito dal presidente americano Wilson la Dalmazia venne annessa al neocostituito Regno dei Croati, Serbi e Sloveni con l'eccezione sempre di Zara (unica città a maggioranza italiana), questo per sottolineare ancora come gli abitanti della dalmazia si sentissero tutto, fuorchè italiani; pur riconoscendo nella lingua italiana "la cultura" (così come succedeva peraltro in molti altri stati europei).

Veniamo al periodo che "ci interessa", retrodatando, non al 1943, ma al 41:

Nell'anno dell'occupazione nazifascista della Dalmazia  si innescò una crudele e sanguinolenta guerra civile
(dovuta all'azione del governo fascista che annullò l'autonomia culturale e linguistica del territorio: la c.d. assimilazione forzata del "barbaro slavo") che raggiunse livelli di massacro nell'estate del 1942, con l'apertura di campi di concentramento italiani, nei quali venivano deportati i civili slavi, serbi e croati.

Per la fine della guerra dal 1943 al 1947 e oltre concordo con la sua ricostruzione.

Così come concordo che il massacro delle foibe sia stato terribile, come terribile è ogni massacro.

Così come concordo che il tentativo di negare o di nascondere questo eccidio sia stato un grave errore.

Fanno bene sia Oliva che il Presidente della Repubblica Napolitano a sottolineare ciò.

Concordo ancora che questa debba essere una data ricordata da tutti, come mi sembra che sia.

MA, c'è un ma...

Carattere fondante dei partiti di destra è il profondo (e ammirevole, se rimane tale e non degenera) patriottismo:
nella seconda guerra mondiale morirono tanti ebrei ITALIANI, tanti antifascisti ITALIANI, tanti omosessuali ITALIANI...

Perchè non la vedo difendere a spada tratta dai tentativi revisionistici il Giorno della Memoria del 27 Gennaio e il 25 Aprile?

Sono o non sono giornate per tutti gli Italiani?

Dobbiamo per caso arrivare alla triste e grottesca conclusione che per alcuni erano PIU' Italiani gli Italiani della Dalmazia, e MENO Italiani gli ebrei, gli antifascisti e gli omosessuali italiani?

Spero vivamente di no, perchè si perderebbe il senso della Patria, che è di tutti gli Italiani, senza distinzione alcuna.

Ricordiamo e basta, senza propaganda di parte.

 
2010-02-11 14:04:52Protezione Civile S.P.A. : la morte del volontariato?iniziata la discussione
Ciao a tutti, a parte le vicende giudiziarie di Bertolaso, che poco mi interessano finchè si rimane al gossip giornalistico, mi soffermerei a ragionare sulle conseguenze della trasformazione in SPA della Protezione Civile.

Mi soffermerei su 3 aspetti, 2 giuridici, 1 di carattere generale:

1) le SPA , come tutte le altre società di capitali, hanno come scopo-fine la suddivisione degli utili perseguiti con il metodo economico: mi chiedo come la Protezione Civile, che opera tramite il volontariato perseguendo lo scopo ideale possa adeguarsi a tale disciplina.
Rafforza la mia opinione il fatto che non c'è riscontro, nel codice civile, della possibilità di utilizzare la SPA per scopi ideali, o comunque diversi dalla divisione degli utili tra i soci.
C'è spesso il tentativo da parte di associazioni a scopo ideale, di utilizzare la SPA indicando una attività economica nell'atto costitutivo, ma che poi in realtà non viene perseguita: questo espediente non è lecito se non previsto da leggi speciali, e anche su queste vengono sollevati molti dubbi, perchè si viene a snaturare la natura essenziale della SPA.
In secondo luogo, mi chiedo come il lavoro gratuito dei volontari verrà giustificato alla luce dello scopo lucrativo della SPA stessa

2) La disciplina della SPA vieta il conferimento di prestazioni d'opera (il conferimento è l'apporto in denaro o beni che viene posto dal socio nell'atto costitutivo della società): questo in cosa si traduce?
Si traduce nel fatto che tutti i volontari che prestano la propria "opera" (insomma che lavorano per la Protezione Civile), non potranno mai essere soci, a meno che non intendano fare un conferimento in denaro.

3) Sappiamo tutti che a "comandare" le SPA sono azionisti o sindacati di azionisti che detengono la maggioranza delle azioni della società: siamo proprio sicuri di voler lasciare in mano di privati (magari senza scrupoli e solo indirizzati al proprio guadagno personale) la gestione delle emergenze sul territorio nazionale?

In conclusione:

1) si snaturano sia la Protezione Civile, sia la SPA
2) i volontari? cosa diventeranno? Soci? E l'aspetto gratuito del loro lavoro? Come verrà giustificato?
3) rendendo privato un servizio pubblico, lo inserisci per forza in logiche di mercato che non si conciliano assolutamente con lo scopo solidale e volontaristico della Protezione Civile

Voi cosa ne pensate?

2010-02-10 15:50:15Completamente d'accordo, a metà :-)in risposta a questo messaggio
Ciao Laura,

concordo con te sul fatto che le madri piangano i propri figli allo stesso modo: chiaro, inequivocabile, pacifico.

Concordo anche sul fatto che non si debba generare odio e rancore, spero nelle mie risposte di non averlo fatto e se l'ho fatto chiedo scusa a chi ha letto, non era mia intenzione e mi sono sforzato nelle mie risposte a mantenere un tono e una argomentazione il quanto più obbiettiva, se non ci sono riuscito, ci proverò con più impegno la prossima volta.

Facciamo però attenzione a due cose:

1) la prima è brutale, ma non riesco a non dirla: le madri dei morti disonorati piangono due volte

2) questa è molto più costruttiva: per creare una società migliore non si può essere totalmente avulsi dal passato e non si può solo guardare al presente per progettare il futuro.

Mi spiego meglio: per creare una società migliore bisogna unire le ESPERIENZE di ognuno; ma cosa è l'esperienza, se non un ricordo del passato, che ci aiuta a vivere meglio il presente e costruire il futuro?

Mi viene in mente un esempio che è stupido, ma calzante: "Fabio, non toccare con la manina il forno che ti bruci" [Fabio tocca], [Fabio piange], Fabio da quel momento non ha più toccato il forno caldo.
Provate ad utilizzare questo schema cambiando soggetti, azioni... le combinazioni sono infinite, come infinite sono le esperienze.

Una società migliore si costruisce ricordando il passato, che sia monito e materiale per costruire il futuro.

Ciao a tutti!



2010-02-10 15:01:05altrochè metà!in risposta a questo messaggio
mi accorgo ora che a parte Diego siamo TUTTI del Colverso!


2010-02-10 15:00:15poche firme...in risposta a questo messaggio
vedo che a firmare "virtualmente" siamo stati in pochi... (e la metà è del Colverso)

non è che "voi del Paese" avete una connessione migliore della nosta e non ce lo volete dire??? :-D


2010-02-10 14:51:27Grande Mac Bun!in risposta a questo messaggio
Chiamiamolo col suo vero nome!
Nome che è stato fatto censurare da MCDonald ignorando totalmente il fatto che Mac Bun in piemontese vuol dire "SOLO BUONO" e che non c'era un tentativo di copiare il marchio americano!
Non ho mai mangiato un hamburgher di MCDonald in vita mia, e penso che non lo farò mai, salvo casi di estrema necessità e urgenza (la sopravvivenza insomma).
E non avevo mai mangiato un hamburgher in vita mia, fino a quando non ho scoperto Mac Bun a Settembre!
Concordo pienamente con Alberto e anche con il Sig. Ballauri che ne lodano la qualità e la cortesia.

Viva Mac Bun!
2010-02-09 18:44:12Concordoin risposta a questo messaggio
Ciao Biagio, concordo con te.

Il tentativo di relegare la sinistra ai baronetti dell'università, a gli intellettualoidi tutto libri e giornali e poca piazza è un tentativo tipico di chi le argomentazioni le ha terminate.

Da quando Borrelli la coniò tempo fa una frase mi è rimasta in mente : RESISTERE RESISTERE RESISTERE

Facciamo infrangere l'ondata di revisionismo e di cattiva politica contro lo scoglio della Democrazia e della Memoria.

Siamo noi i partigiani del 2000, non dimentichiamocelo: al posto delle armi, abbiam le parole.
2010-02-09 17:02:35Non si scaldi, sig. Ballauri!in risposta a questo messaggio
Le lascio anche la "piazza" virtuale di questo forum, tutta per lei e per la sua propaganda.

Me ne torno nell'Accademia della Crusca, ci faccia un salto anche lei: potrebbe imparare qualcosa di nuovo, conosco un paio di maestre che potrebbero insegnarle a memoria la poesia del rispetto.

Saluti
2010-02-09 16:34:01Grazie Albertoin risposta a questo messaggio
Non conoscevo tutti i retroscena delle foibe e questo messaggio è stato illuminante.
Grazie davvero Alberto.


Consiglierei al gestore del sito (Italo) di inserire tutti questi contributi (sia quelli sulle foibe, sia quelli sul retroscena delle stesse) nelle categorie principali del sito (sotto Cultura?), magari (ma questo è un lavoro già più grande) con ancora qualche dato in più.
Stessa cosa si potrebbe fare anche con una raccolta di testimonianze riguardo ai campi di concentramento nazisti (sono convinto che il Prof. Clara ha tonnellate di documenti).
Un modo per non dimenticare e per evitare di dire cose inesatte (mi inserisco tra questi io stesso) quando si parla di cose che non si conoscono appieno.

Ciao a tutti!
2010-02-09 13:04:26Nessuna rispostain risposta a questo messaggio
"e in alcuni casi qualche bambino delle elementari precettato dalle maestre"

ho smesso di leggere qui.

La sua spregiudicatezza nel denigrare (anche con l'uso di aggettivi ad hoc) non mi permette di continuare a discutere con lei.

Quando tornerà ad utilizzare toni pacati e smetterà di insinuare certe nefandezze continueremo la discussione.

Sono questi i toni utilizzati da chi "difende la democrazia"?

2010-02-08 23:41:58Adesione totalein risposta a questo messaggio
Adesione totale alla raccolta firme, e penso che ci si possa attivare anche ad altri livelli.
2010-02-08 17:50:40Giornata del ricordo o giornata di propaganda?in risposta a questo messaggio
Ho letto attentamente il suo "sfogo", signor Ballauri, e devo arrivare alla conclusione che ci troviamo purtroppo ancora su posizioni estremamente in antitesi tra loro.

Giusto manifestare nel giorno della memoria delle foibe, ma siamo proprio sicuri che il fine sia solamente il ricordo delle vittime? O c'è un forte bisogno di visibilità e ogni "scusa" è buona?
Tra le vittime dei campi di concentramento nazisti e tra le vittime dei genocidi compiuti dalle SS in Italia c'erano Italiani, come mai le associazioni e i partiti di destra non commemorano con la stessa foga anche quei morti?
Dov'erano quei ragazzi nel Giorno della Memoria?
Dove sono il 25 Aprile?
Domande alle quali non ho mai ricevuto risposta.

"l'unica colpa: essere Italiani", "l'unica colpa: essere ebrei", "l'unica colpa: essere omosessuali","l'unica colpa: pensarla diversamente dal regime"

C'è una gerarchia tra questi slogan? No? Perchè allora per la "galassia" dei gruppi di destra è solo il primo ad essere importante?

Leggo poi una frase che mi lascia sgomento "addirittura messa una foto con bandiere con celtica che niente hanno a che vedere quei ragazzi"

Rimandendo pure sulla non pacifica conclusione che i gruppi di destra siano totalmente avulsi da questa simbologia (parecchie persone potrebbero affermare il contrario, e chi bazzica all'università lo
affermerebbe con ancora più forza) persino i muri sanno che non è questione disimbolo, è questione di anima.

Altra frase che mi lascia perplesso "Vi sembra giusto che dei ragazzi debbano essere scortati da un'ingente spiegamento delle forze del giorno perchè dei teppisti vogliono vietare delle democratiche e civili manifestazioni ??"

Le manifestazioni DEVONO essere scortate da forze dell'ordine, si tratta di regolamenti comunali e leggi statali.
Non scendiamo così in basso, per cortesia, parlando di "teppisti" antidemocratici, perchè come è diritto di quei ragazzi manifestare per le foibe, è diritto di altri ragazzi manifestare contro la strumentalizzazione a fini propagandistici dell'evento (che poi sia vero o meno, poco importa, si tratta comunque di due diritti di espressione del pensiero inviolabili).

Qui però arriviamo all'apice "sarà che gli unici difensori della democrazia sono diventati i ragazzi di destra e chi vuole censurare sono gli esponenti di sinistra ?"

Sig, Ballauri, avrebbe risparmiato tempo nel finire la stesura del suo "sfogo" se non avesse scritto questa frase.
Un'inutile provocazione che qualsiasi persona di buon senso scarta appena finita di leggerla.
No, non siete i martiri della democrazia, quelli sono i morti dei campi di concentramento, i morti di tutte le guerre e i morti delle foibe, voi non arrogatevi questo diritto.


"Ricordo  a Lamon che parla della difesa della razza come massima espressione negativa del Fascismo (concordo) che su quel giornale scriveva VOLONTARIAMENTE il grande scrittore delle lodi alla Resistenza , il Prof. Giorgio Bocca che nel 1940 sottoscrive il "Manifesto della Razza" dando colpa agli ebrei del declino dell'europa , ci scriveva insieme ad Eugenio Scalfari e che alcuni esponenti illustri della sinistra furono giovani volontari della Repubblica di Salò per poi dimenticarsene per convenienze varie..."

Qui torniamo al discorso che avevo fatto precedentemente: affermare che Bocca e Scalfari in gioventù (entrambi studenti di giurisprudenza) furono iscritti al GUF cosa significa?
Mussolini era socialista alle origini, e allora?
Questo cambia qualcosa su ciò che questi personaggi hanno fatto durante la loro vita?
Questo giustifica gli errori o dà più onore all'atto giusto? A mio parere non cambia assolutamente nulla, è solo uno scudo dietro il quale ripararsi.
Per quanto riguarda poi i "volontari" della RSI, se partire volontari significava essere prelevati a forza da casa (come è accaduto qui e nei Comuni vicini) con la facoltà di scegliere tra "volontario" o "morto", beh posso affermare che l'istinto di sopravvivenza viene prima della fede politica (e estremo rispetto per chi ha mantenuto la sua fede, ed ora è sottoterra).

"Collettivi di sinistra stranamente sono comandati da ultra-trentenni un pò troppo fuori corso...bisogna ficcare il naso fuori dai giornali e vedere di persona.."

Io ficco spesso il naso fuori dai giornali, e all'università passo molto del mio tempo.
Sta riportando dati errati: conosco i membri dei Collettivi di Scienze Politiche, Lettere, Storia, Giurisprudenza.
Di trent'enni pochi, di vent'enni tanti, e se ci fosse qualche trent'enne in più a tenere buoni gli animi dei vent'enni, sarebbe pure meglio.

P.S. una curiosità per finire: lo scorso anno alle elezioni universitarie si è proposta una nuova lista, denominata "ARCADIA", il cui simbolo era un Bombardiere nero posizionato al centro della bandiera italiana....

Saluti


2010-02-07 14:41:29correzionein risposta a questo messaggio
"totalitarizzazione", non "totalirizzazione".

errore di battitura, scusate!
2010-02-07 14:15:59Giusto Ricordarein risposta a questo messaggio
Più che giusto ricordare i morti delle Foibe, così come tutti i morti dell'odio razziale ed etnico.
Le Foibe sono un fatto increscioso e vergognoso e rappresentano,insieme ai Gulag, il punto di non ritorno dell'estremizzazione, del capovolgimento e della totalirizzazione dei concetti di comunismo e di socialismo.
Marx si è rivoltato più volte nella tomba, oltraggiato dalla NON applicazione dei sui principi.
Questo è risaputo e qualsiasi persona di sinistra intellettualmente onesta lo riconosce.


Meno giusto, a mio parere, è l'utilizzo che viene fatto, dai partiti e dalle associazioni di destra, delle Foibe e dei Gulag.
Sorrido ancora adesso a leggere certi brillanti manifesti di destra: "Ma perchè non parliamo dei Gulag?", "Gulag: i campi di concentramento comunisti!".
Cosa significa tutto ciò, se non un tentativo di giustificare i campi di concentramento nazisti e le deportazioni compiute da essi (con l'aiuto dei nostrani Repubblichini e fascisti di ogni estrazione e delle nostre vergognose leggi razziali)?
E' un pò come dire "Si, noi abbiamo sbagliato, ma anche loro hanno sbagliato!"

Ma chi di voi, e qui concludo, compatirebbe un omicida che affermasse "Anche il mio compagno di cella ha ucciso, quindi io sono meno colpevole!"

Saluti

Fabio Lamon
2010-02-01 18:42:13ops...in risposta a questo messaggio
Pardon non mi ha preso il link  www.lacassa.net/gruppi-consiliari-comunali/La-Cassa-Un-Paese-Per-Tutti/Riflessioni-sullo-Sportin/
2010-02-01 18:41:08riflessione articolatain risposta a questo messaggio
http://www.lacassa.net/gruppi-consiliari-comunali/La-Cassa-Un-Paese-Per-Tutti/Riflessioni-sullo-Sportin/

Ciao a tutti

2010-01-04 17:08:44rabbia, sconforto, felicità e una lettera ai Presidentiin risposta a questo messaggio
Devo ammettere che dopo un momento di rabbia e di sconforto questa vicenda della lettera del Sig. Michelini mi ha reso (e questo è incredibile) "felice": felice di vedere una reazione nei lacassesi che hanno scritto su lacassa.net così come coloro che ho incontrato dopo l'uscita di LCVN.
Reazioni "accese" o meno, il fatto stesso che questa letteraccia abbia suscitato un impeto in molti dei miei concittadini mi ha fatto ben sperare in qualcosa che credevo oramai un retaggio di pochi: la memoria.

La memoria di quel passato in cui una parola che per noi oggi è simbolo di libertà e di democrazia era invece simbolo di terrore
"Arriva la Repubblica!"
E ad arrivare erano coloro che per il Sig. Michelini erano coloro che combattevano dalla Parte Giusta.
Dalla Parte Giusta si facevano saltare case, per stanare 2 giovani, il cui unico peccato era stato quello di non accettare di arruolarsi per la RSI.
Dalla Parte Giusta si sparava ad un cane, il cui unico peccato era stato quello di abbaiare per difendere la propria piccola padroncina.
Dalla Parte Giusta si legavano 3 maiali alla camionetta e li si trascinavano per tutto il paese, per spregio.
Dalla Parte Giusta si giocava a tiro a segno con un ragazzo il cui unico peccato era stato quello di portare le mucche al pascolo in una radura.

Potrei continuare ad elencare quante cose si sono fatte per la Parte Giusta: ho avuto l'onore/onere di aver ascoltato (e per fortuna in alcuni casi continuo a poter ascoltare) i racconti di chi quelle drammatiche vicende le ha vissute e le continua a vivere nei sogni, svegliandosi grondante di sudore, con una ferita aperta dentro l'anima.
Provengo da una famiglia che ha combattuto, con e senza armi, per la Liberazione dell'Italia (non per forza dalla Parte Giusta, perchè in guerra qual'è la Parte Giusta?),e io non posso essere da meno nel salvaguardarla, questa Italia: la mia unica arma però è la memoria, memoria che non può essere cancellata e riscritta.
Il Sig. Michelini si firma Presidente della Federazione Provinciale dei Combattenti della RSI, beh... io mi firmerò per questa volta Presidente dei Divulgatori della Memoria
E rivolgo un appello a tutti i lettori di Partecipazione: non perdete la memoria di ciò che è stato, o queste vergognose forme di revisionismo storico dilagheranno.
Raccontate e fatevi raccontare, ricordandovi di chi è morto per far si che anche il Sig. Michelini, oggi, possa dire che un Repubblichino era dalla Parte Giusta, senza essere imprigionato, malmenato e magari condannato a morte, solo per aver espresso un'opinione.

In allegato vi copio la lettera che ho inviato ai Presidenti della Repubblica, della Camera, del Senato, della Regione e della Provincia (e in copia ai maggiori giornali nazionali e locali), è una prima iniziativa, ma ne sto organizzando delle altre e sono felice di vedere che ne state organizzando anche voi (la partecipazione alle commemorazioni di Traves è davvero una meravigliosa iniziativa, non ci sarò purtroppo perchè tornerò a La Cassa l'8 di Gennaio, ma inutile dire che con la mente sarò con voi).
Uniamo i nostri sforzi e facciamo qualcosa di grande insieme, giusto per far vedere che a La Cassa la Memoria non è persa.

Cari saluti a tutti e (per una volta concorde con Laura) RESISTERE RESISTERE RESISTERE... e RICORDARE RICORDARE RICORDARE

----------------------
Alla cortese attenzione del Presidente della Repubblica Italiana, GIORGIO NAPOLITANO
Alla cortese attenzione del Presidente della Camera, GIANFRANCO FINI
Alla cortese attenzione del Presidente del Senato, RENATO SCHIFANI
Alla cortese attenzione del Presidente della Regione Piemonte, MERCEDES BRESSO
Alla cortese attenzione del Presidente della Provincia di Torino, ANTONIO SAITTA
Egregio Presidente,

Le scrivo per informarLa riguardo ad un grave fatto avvenuto a La Cassa (TO), paese in cui vivo.
Ogni quattro mesi a La Cassa viene distribuito a tutte le famiglie il Periodico di informazione ufficiale dell'Amministrazione Comunale, denominato “La Cassa Voci e Notizie” con sede di Direzione, Redazione e Edizione presso il Municipio di La Cassa, Piazza XXV Aprile n° 6.
Nel numero 3 del Dicembre 2009 a pagina 28 (della quale allego copia) è stata pubblicata una lettera di un certo Sig. Michelini Diego, il quale si firma come Presidente della Federazione Provinciale di Torino “Combattenti della RSI”.
Il Sig. Michelini nella parte finale della lettera afferma “[...] Il mio punto di vista rimane quello di sempre che noi possiamo, alla luce del fallimento morale dei cosiddetti “vincitori”, dimostrato ancora oggi da quelle migliaia di Caduti trucidati, dopo orribili sevizie, uomini e donne, che per l'Onore d'Italia seppero vivere e morire, tuttora insepolti, che i combattenti della Repubblica Sociale Italiana, furono quelli schierati dalla Parte Giusta [...]”
La frase in grassetto è una esplicita apologia al Fascismo, fatto increscioso che offende la memoria di un paese con una grande storia partigiana come La Cassa e che riapre ferite mai del tutto rimarginate nei sentimenti di chi ha perso figli, fratelli, sorelle, madri e padri per mano di quei “Repubblichini” che il Sig. Michelini schiera dalla Parte Giusta.
Ancor più grave è che tale apologia sia stata pubblicata su un periodico di informazione di una Amministrazione Comunale della Repubblica Italiana, il cui Sindaco ha giurato di osservarne lealmente la Costituzione.
In attesa di una Sua risposta Le porgo i miei migliori Auguri di Buon Anno Nuovo


La Cassa, 28/12/2009
2009-11-03 14:32:57un pochino di tempoin risposta a questo messaggio
Mi è piaciuto moltissimo il tuo intervento Manuel, e non vedo poi tutta questa ironia, mi sembra un discorso serio e argomentato; ti chiedo solo un pò di pazienza, perchè vorrei analizzare alcuni dei punti da te esposti, e ho bisogno di un pò di tempo, per non scrivere stupidaggini

Grazie per la pazienza
2009-11-03 14:31:01Non partecipare e sentenziarein risposta a questo messaggio
Rispondo con una sola affermazione: non partecipi da anni al gruppo, non sai nulla delle vicende interne del gruppo... e sei qui a sentenziare?
Se tu avessi partecipato avresti le risposte ai punti 1-2-4
Per il punto 3 invece la risposta non ce l'ho, potrei solo dirti che l'attacco personale, fatto pure con una scadente ironia, di solito viene utilizzato quando non si hanno più argomentazioni, non le si hanno mai avute o non si è capito molto di ciò che gli altri hanno scritto.
2009-11-02 23:41:59Domandein risposta a questo messaggio
Mi sorgono spontanee due domande

1) qual'è il vero senso del tuo scritto?

2) vuoi spiegarci esattamente come stanno le cose in entrambe le liste, dati alla mano?

Poi me ne viene una terza, con qualche brivido

"[...] con la consapevolezza di avere il mandato di chi ti ha, a sua volta, votato e che ha creduto in te [...]

c'è anche un'altra persona che ragiona così, che parla del mandato del popolo, ma non è un consigliere comunale...


 

Ricerca personalizzata
Ultime attività
Qualcuno... ?
Stephanosky
20 febbraio 2018, 12:04
31 maggio 2017
 
31 maggio 2017, 23:38
30 maggio 2017
 
30 maggio 2017, 16:21
i lavori di marzo
Luca_Amateis
28 marzo 2017, 12:35
Beach Volley!!!
 
20 giugno 2016, 08:59
Biblioteca: che si fa?
Laura LaLunga
13 giugno 2016, 15:49
Calendario Calcetto
 
3 giugno 2016, 11:44
Squadre Calcetto 2016
 
3 giugno 2016, 11:29
Volantino 2016
 
2 maggio 2016, 11:27
Ordine Iris Bio
 
22 aprile 2016, 09:16
Ti porterò lontano
 
23 dicembre 2015, 16:14
a viso aperto.
italo
27 ottobre 2015, 16:19
segreti
fabri
27 ottobre 2015, 14:38
70 anni orsono
biagio
16 settembre 2015, 20:49
Classifica finale "La Cassa Nel Pallone 2015" Calcio a 5
 
21 luglio 2015, 11:59
Risultati classifica Calcio 5
 
2 luglio 2015, 08:51
Calendario Squadre Calcio a 5
 
2 luglio 2015, 08:24
mercatino del riuso
biagio
27 giugno 2015, 09:55
Fasi Finali Beach Volley
 
26 giugno 2015, 15:12
Risultati e classifica Beach
 
19 giugno 2015, 13:45
Calendario e squadre Beach Volley
Morg4n80
16 giugno 2015, 16:00
Calendario e squadre Beach Volley
ghindo
16 giugno 2015, 15:54
Calendario e squadre Beach Volley
 
12 giugno 2015, 08:19
La Cassa Nel Pallone 2015
ghindo
10 giugno 2015, 14:42
La Cassa Nel Pallone 2015
Morg4n80
10 giugno 2015, 14:40
La Cassa Nel Pallone 2015
 
8 giugno 2015, 13:58
e se scoprissimo che esiste la reincarnazione
biagio
30 aprile 2015, 08:46
errore mortale
italo
28 aprile 2015, 23:28
La spiritualità dell'Insieme
biagio
5 aprile 2015, 20:04
un pensiero positivo dalla Valle di Susa
biagio
22 marzo 2015, 18:44
ero interessato
marco
6 marzo 2015, 09:57
salutiamo con gioia un nuovo Barberis
biagio
19 febbraio 2015, 14:56
cosa serve pagare una tessera da 20 euro
biagio
13 febbraio 2015, 14:02
la mancanza di soccorso è un reato
biagio
6 febbraio 2015, 09:20
Riporto la dicitura della Gazzetta Ufficiale
biagio
4 febbraio 2015, 14:34
Caro Marco c'è veramente di che essere preoccupati
biagio
2 febbraio 2015, 18:29
Riapre la cava di Varisella?
italo
2 febbraio 2015, 18:08
ambulatorio
marco
2 febbraio 2015, 11:35
la mia generazione ha toppato
biagio
28 gennaio 2015, 20:54
Riapre la cava di Varisella?
italo
28 gennaio 2015, 11:02
mappa | versione per la stampa | versione ad alta accessibilità | photo gallery | dove siamo | RSS
Valid XHTML 1.0! Valid CSS! RSS Linkomm - SEO Web Agency Torino Customizer